Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Avviso:La sede del Corecom è momentaneamente chiusa al pubblico, ma per casi urgenti di cyberbullismo è possibile contattare il seguente numero: 011/5757575 o scrivere all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

La legge regionale del 5 febbraio 2018, n. 2 Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo attribuisce al Corecom Piemonte la funzione di Osservatorio sul fenomeno del cyberbullismo acquisendo informazioni, raccogliendo e aggiornando tempestivamente dati statistici, elaborando studi, analisi e ricerche su tale fenomeno presente sul territorio regionale. I risultati dell’attività di documentazione, studio e analisi sono messi a disposizione per le iniziative di sensibilizzazione e di informazione sui temi connessi al cyberbullismo.
Il 20 marzo 2019 è stato firmato il Protocollo d'intesa tra Garante per la protezione dei dati personali e Corecom Piemonte. Il Protocollo fissa le principali aree di collaborazione in materia di prevenzione e contrasto del fenomeno del cyberbullismo per consentire ai minori di usufruire delle straordinarie opportunità offerte dalla rete, proteggendo nel contempo la loro dignità.

Per cyberbullismo si intende qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d'identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonché la diffusione di contenuti online aventi ad oggetto anche uno o più componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo.
La normativa nazionale prevede che ciascun minore ultraquattordicenne, nonché ciascun genitore o soggetto esercente la responsabilità del minore che abbia subito taluno degli atti di cyberbullismo, può inoltrare al titolare del trattamento o al gestore del sito internet o del social media un'istanza per l'oscuramento, la rimozione o il blocco di qualsiasi altro dato personale del minore, diffuso nella rete internet, previa conservazione dei dati originali.
Chi compie atti di cyberbullismo può essere responsabile anche di reati penali e danni civili.

Il Corecom ha il compito di segnalare alle Autorità competenti i fatti di cyberbullismo di cui viene a conoscenza, trasmettendo le eventuali denunce ricevute.
I soggetti che intendano comunicare eventuali violazioni possono compilare il modulo di segnalazione (completando il maggior numero di voci) e inviarlo tempestivamente attraverso posta elettronica all’indirizzo sotto indicato, tramite lettera raccomandata a/r, fax, o consegna a mano presso la sede del Corecom.
Chi può fare la segnalazione?
La segnalazione potrà essere effettuata da ragazzi e ragazze che hanno compiuto 14 anni, nonché da ciascun genitore o soggetto esercente la responsabilità del minore che abbia subito atti di cyberbullismo.

Per coloro che hanno necessità di segnalare casi di cyberbullismo, gli uffici del Corecom sono a disposizione lunedì, martedì e giovedì dalle 14.00 alle 15.00, mercoledì e venerdì dalle 11.00 alle 12.00.

La L.R. del 5 febbraio 2018, n. 2 dispone che il Corecom eserciti funzioni di Osservatorio sul fenomeno del cyberbullismo anche attivando apposite convenzioni e protocolli di intesa con soggetti terzi.
L’articolo di legge indica che tali funzioni si esercitano attraverso:

  1. l’acquisizione di informazioni;
  2. la raccolta di dati statistici e il loro tempestivo aggiornamento;
  3. l’elaborazione di studi, analisi e ricerche sul fenomeno del cyberbullismo presente sul territorio regionale.

L’attività dell’Osservatorio sul cyberbullismo del Corecom Piemonte si affianca sino a formare un unicum con le funzioni dell’Osservatorio regionale permanente sul bullismo.
Il 13 novembre 2019 è stato sottoscritto un Protocollo d’Intesa con Giunta regionale (assessorati Sanità e Istruzione), Ufficio scolastico regionale (USR) - Osservatorio sul bullismo, Università degli Studi di Torino, Università del Piemonte Orientale, Garante regionale per l’Infanzia, Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Torino, con lo scopo di realizzare collaborazioni sinergiche e perseguire obiettivi comuni. Contemporaneamente istituisce il Tavolo tecnico sul cyberbullismo presieduto dal Presidente del Corecom Piemonte.
L' Osservatorio è in generale quello di svolgere e coordinare attività di ricerca, monitorare l’andamento di un fenomeno, diffondere il più possibile le informazioni e i dati acquisiti.
L’Osservatorio risponde quindi all’esigenza di:

  1. acquisire informazioni con un sistema di monitoraggio permanente;
  2. individuare, riconoscere e analizzare i problemi e i bisogni rilevati dagli esiti del monitoraggio, affinché gli amministratori locali possano calibrare al meglio gli interventi normativi di propria competenza e orientare in modo adeguato le politiche pubbliche.

L’Osservatorio sul Cyberbullismo del Corecom Piemonte è strutturato in modo da fornire agli amministratori della Pubblica amministrazione, agli operatori dei settori coinvolti nelle materie afferenti al cyberbullismo, agli insegnanti, ai genitori e ai cittadini, la più ampia conoscenza sul fenomeno dei bullismi online affinché sia possibile, per i soggetti interessati, adottare politiche, misure e interventi adeguati a prevenire e contrastare i comportamenti di cyberbullismo.

L’Osservatorio si struttura in sezioni informative, in corso di avanzata implementazione documentale, i cui contenuti richiedono periodicamente di essere verificati e aggiornati.

  1. Normativa e Giurisprudenza -presenta leggi nazionali e regionali emanate in materia di cyberbullismo e le principali sentenze emesse dalle Corti e dai Tribunali sui bullismi e sui temi correlati;
  2. Glossario - la sezione presenta glossari/dizionari/vocabolari di spiegazione dei termini caratterizzanti il mondo del web, con particolare attenzione al cyberbullismo e ai comportamenti ad esso riferibili. E’ risaputo infatti che i termini circolanti in rete, ma anche fra gli addetti ai lavori, sono in lingua inglese e in continua evoluzione (neologismi, parole composte). Si rende indispensabile pertanto avere chiarezza sul significato delle parole utilizzate per costruire sull’argomento un linguaggio comune e condiviso;
  3. Letture, filmati - contiene materiale utile rivolto a insegnanti, educatori, genitori e operatori culturali;
  4. Link di utilità - elenco dei link di rimando a istituzioni aventi competenze in materia e più in generale ai soggetti che spesso dedicano spazio informativo ai temi interessati dalle attività dell’Osservatorio
  • Legge 29 maggio 2017, n. 71Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo"; Legge regionale del 5 febbraio 2018, n. 2 “Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo”.
  • Legge regionale del 5 febbraio 2018, n. 2 “Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto dei fenomeni del bullismo e del cyberbullismo”.
  • Protocollo d’Intesa del 13 novembre 2019 per l’attuazione di interventi di prevenzione e contrasto del fenomeno del cyberbullismo, firmato da Corecom Piemonte, Regione Piemonte, Ufficio scolastico regionale del Piemonte, Università degli Studi di Torino, Università degli Studi del Piemonte Orientale, Garante regionale per l'infanzia e l'adolescenza e Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Torino.
  • Protocollo d'intesa tra Garante per la protezione dei dati personali ed il Corecom Piemonte
  • Informazioni

    E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel.: 011 5757.575 - Fax digitale: 011 5757.845