Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Nuova norma per i tatuaggi e il piercing

Le donne operate al seno in seguito a un tumore potranno fruire gratuitamente, presso le strutture sanitarie regionali, di un tatuaggio medico per la ricostruzione dell’areola mammaria. Per tale finalità, la legge “Disposizioni relative alle attività di tatuaggio e piercing” ha stanziato 50mila euro. 
Questa la principale novità stabilita dalla legge sui tatuaggi, presentata da Sarah Disabato (M5s) e sottoscritta da altri consiglieri di maggioranza e opposizione, che è stata approvata oggi all’unanimità dal Consiglio regionale, dopo un lungo percorso di confronto con gli operatori del settore svolto dalla Commissione Sanità.
Un apposito regolamento, redatto dalla Giunta regionale entro sei mesi, stabilirà le modalità di attuazione della nuova norma che prevede anche regole precise sul percorso di formazione degli operatori che realizzano i tatuaggi, sulle regole igieniche da rispettare nei locali adibiti a questa attività e anche sanzioni per chi non le rispetta. 

“Con questa legge – ha dichiarato al termine della discussione in aula la prima firmataria Sarah Disabato (M5s) - offriamo maggiori tutele ai cittadini e agli operatori e possiamo anche agire sull’abusivismo. Abbiamo raggiunto l’importante traguardo che permetterà ai cittadini che hanno subito un’operazione di mastectomia di ottenere gratuitamente la prestazione di pigmentazione areola-capezzolo, come già previsto nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) ma mai realizzato: serve a cancellare le cicatrici e migliorare il recupero psicologico dopo il tumore”. 

Alessandra Biletta (relatrice di maggioranza) ha espresso il parere favorevole di Forza Italia: “Questo provvedimento rafforza e riconosce la professionalità dei tatuatori con un apposito corso formativo. Tutela la salute con requisiti di sicurezza e igiene e prevede contributi regionali per i tatuaggi sulla zona areola capezzolo delle donne operate al seno”.

Anche Sara Zambaia (altra relatrice di maggioranza) si è espressa favorevolmente a nome della Lega: “C’è stata una grande collaborazione per arrivare a normare un campo molto delicato che agisce sul corpo delle persone. Sono stati migliorati i corsi di formazione, i luoghi, il tipo di attività. Anche a tutela degli operatori stessi perché in questo settore c’è tanto abusivismo. Infine c’è la straordinaria possibilità per le donne operate al seno di ricostruire una parte importante delle loro femminilità. È un grande regalo che la Regione fa alle donne che hanno vissuto un grave disagio anche psicologico”.

Il consigliere Diego Sarno (Pd, relatore di minoranza), è intervenuto sottolineando che “il tema della formazione e della legalità è molto importante in questo ambito, la nuova legge dà dignità e autorevolezza ad un mondo che finora era percepito come poco professionale. Il tatuaggio medico previsto per le donne operate al seno costituisce un giusto allargamento della sanità pubblica, elemento trascurato dalla maggioranza in questi tre anni”.

Al termine sono intervenuti a favore anche i consiglieri Silvana Accossato (LUV) e Mario Giaccone (Monviso).

 

Foto Pixabay