Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Il Dirmei: “Lieve diminuzione nei contagi”

“È di 3.588 la media giornaliera di nuovi casi positivi al Covid 19 nella settimana dal 2 all’8 novembre. Il picco di presenze in Pronto soccorso si è avuto il 5 novembre e, da qualche giorno, assistiamo a una modesta diminuzione. La media giornaliera di pazienti in attesa di ricovero al Pronto soccorso nelle ultime due settimane è stata pari a 450-500 persone”. Lo ha dichiarato questa mattina il coordinatore dell’area Dea Gian Antonio Cibinel nel corso dell’incontro della Commissione Sanità, presieduta da Alessandro Stecco, con i responsabili del Dipartimento interaziendale malattie ed emergenze infettive (Dirmei).

“In questo momento – ha aggiunto – il numero di ricoverati è maggiore rispetto al picco della prima ondata della pandemia ed è particolarmente concentrato sulle degenze ordinarie o subintensive. Ieri sera avevamo circa il 25% di ricoveri in più in queste aree rispetto al picco della pandemia. Per quanto riguarda le terapie intensive, siamo invece intorno ai due terzi rispetto al picco massimo della prima ondata. Se l’andamento dei contagi sarà lineare, potremmo stimare tra una settimana 400-450 ricoverati in terapia intensiva, pari al picco della prima ondata, e 5.500-6.000 ricoverati complessivamente in altri reparti”.

Il direttore del Dirmei Carlo Picco, illustrando il funzionamento del Dipartimento, ha evidenziato le principali linee di attività, che spaziano dalla gestione delle scorte di dispositivi per la protezione individuale al monitoraggio delle Rsa, dalla messa in atto di corsi di formazione alla stratificazione del rischio e ha presentato la Centrale territoriale Covid, che “si occupa 24 ore su 24 della presa in carico e del monitoraggio dei pazienti Covid della Città di Torino attraverso software e che si vorrebbe allargare a tutto il territorio regionale. Al momento ha in carico 6.536 pazienti di cui 5.552 monitorati quotidianamente da casa tramite app e i rimanenti tramite contatti telefonici”.

Per quanto riguarda la linea di comando operativa per i ricoveri ospedalieri, ha spiegato il commissario per la gestione delle politiche sanitarie Emilpaolo Manno “esistono diverse postazioni attive 24 ore su 24: la postazione di Direzione sanitaria, che governa i ricoveri dei reparti di degenza; quella che governa i Pronto soccorso e i Dea, che valuta il bording e predispone eventuali spostamenti; quella dedicata alle terapie intensive, che ne gestisce e smista i posti”.

Il direttore regionale del settore Emergenza Covid Gianfranco Zulian ha ribadito “la necessità, pur nell’emergenza, di garantire sia i cittadini bisognosi di cure ordinarie sia quelli che necessitano di cure urgenti o emergenziali a causa della pandemia” e ha sottolineato che, per quanto riguarda il personale sanitario, “la Regione si è mossa per tempo, reclutando al 10 settembre ben 2.501 risorse, che oggi sono diventate oltre 3.100, e al momento vi sono 17 bandi aperti”.

Sono intervenuti per porre domande i consiglieri Domenico Rossi (Pd), Francesca Frediani (M5s), Valter Marin, Riccardo Lanzo, Michele Mosca (Lega), Marco Grimaldi (Luv) e Silvio Magliano (Moderati).