Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Il Covid corre anche in carcere: necessarie azioni urgenti

Si inseguono voci sui crescenti contagi nel mondo penitenziario. Anche il garante regionale dei detenuti Bruno Mellano, per avere un quadro realistico,  cerca di raccogliere i dati da varie fonti: una fonte - rilanciata dai social  - della Uil-Pa Polizia penitenziaria riferisce che oggi i positivi sarebbero 395 detenuti e 424 lavoratori (agenti e operatori vari). I detenuti positivi sarebbero concentrati in 53 dei 189 Istituti penitenziari per adulti presenti in Italia, mentre i positivi tra gli operatori sarebbero distribuiti un po’ovunque nel Paese. I dati sono confermati dal garante nazionale che nella newsletter bisettimanale “Il punto” registra che “il numero dei positivi è più che raddoppiato” dal 28 ottobre (quando erano circa 150 detenuti e circa 200 operatori) al 3 novembre.

In Piemonte (fonte Ppar) al 30 ottobre risultavano positivi 28 agenti/operatori: 9 ad Alessandria Don Soria, 1 ad Alessandria San Michele, 1 a Ivrea, 2 a Novara, 3 a Saluzzo, 10 a Torino, 1 a Vercelli e 1 ad Asti.

I detenuti piemontesi positivi secondo i dati di venerdì 30 ottobre erano anch'essi 28, la stragrande maggioranza (26) ad Alessandria Don Soria e 2 a Torino.

Alla Casa circondariale di Alessandria Don Soria purtroppo si è registrato un decesso, il secondo in Italia dall’inizio della seconda fase della pandemia  (detenuto italiano di 71 anni con patologie pregresse morto sabato scorso presso la Clinica “Salus”, dopo una degenza in Ospedale). La situazione alessandrina è alla ribalta delle cronache nazionali ed è stata attenzionata anche dal garante nazionale che scrive, nel suo ultimo report: “Più problematiche appaiono quelle dove a partire da un singolo caso si è realizzata una rapida diffusione: è stata riportata anche dalla stampa la situazione della Casa circondariale di Alessandria, dove si è registrato il decesso di una persona e una espansione a più del 14% della complessiva popolazione detenuta (29 casi su 199 persone ristrette)”.

I dati sui contagi nella Casa di reclusione di Saluzzo sono però, nel frattempo, diventati di 8 agenti contagiati, mentre per ora i detenuti sono stati risparmiati.

Il garante nazionale ricorda come “in questo contesto, gli isolamenti precauzionali, doverosamente attuati per coloro che entrano in carcere, incidono numericamente in maniera consistente – oggi quelli in stanza singola sono ben quasi mille – e anch’essi vanno considerati nel valutare l’efficacia concreta che i provvedimenti adottati potranno avere […] il dato nazionale di questi giorni nel Paese indica una percentuale di 16,5 positività per ogni cento persone testate”.

Nei dati aggiornati all’ultima ora però aumentano anche i casi di Torino a 4 detenuti dell’Alta sicurezza, dove continuano a essere contagiati dal virus anche 1 mamma e 2 bambini minori all’Icam (Istituto a custodia attenuata per mamme con bambini).Quest’ultimo allarmante dato e la morte del detenuto ad Alessandria riportano alla ribalta la necessità di provvedere quanto prima a rendere possibile l’esecuzione penale esterna per tutti quelli che già ne hanno diritto e per tutti coloro che rientrano nelle fasce deboli a rischio (anziani, persone con pluripatologie, diabetici, affetti da  problemi polmonari o alle vie respiratorie...). Infine appare urgente e improrogabile la verifica di soluzioni alternative al carcere almeno per le mamme con bambini, nell’attesa di un intervento mirato per la piena applicazione della legge 62/2011: realizzazione di una rete di Case famiglia per mamme in esecuzione penale con figli al seguito.