Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

L’Assestamento prosegue in Commissione

Lavoro e Attività produttive, nell’assestamento piccole variazioni tecniche. Prosegue in Commissione Bilancio, presieduta da Vittorio Barazzotto, l’illustrazione del disegno di legge 328 "Assestamento del bilancio di previsione finanziario 2018-2020 e disposizioni finanziarie", con l’intervento delle assessore regionali Gianna Pentenero (Lavoro, formazione e istruzione) e Giuseppina De Santis (Attività produttive, energia e competitività).

Nella relazione Pentenero ha parlato di diminuzioni contenute e, tra queste, ha evidenziato 4 milioni di reimpostazione (vale a dire spostati sul prossimo anno) al 2019 sull’istruzione e 2 milioni sui cantieri di lavoro. Dai banchi dell’opposizione, il gruppo M5s ha evidenziato 200 mila euro in meno per il contrasto al cyberbullismo, spostati al 2019, e 100mila in meno nel fondo dedicato all’ampliamento dell’offerta scolastica.

Per quanto concerne i capitoli di bilancio illustrati da De Santis, l’assessora ha evidenziato soltanto spostamenti tecnici. Sempre il gruppo M5s ha rilevato 1,1 milioni in meno (su una competenza 2018 di 35,5) per i servizi ordinari del Consorzio per il sistema informativo – Piemonte (Csi) e 380 mila euro in meno per l’acquisizione, lo sviluppo e la manutenzione evolutiva del software (su 2,078 milioni). L’assessora ha spiegato che le cifre rimaste sono risultate sufficienti e che trattasi, come anche per i rimanenti capitoli illustrati, di mera manutenzione di bilancio.

abruno

 

Politiche giovanili

La sesta Commissione, presieduta da Francesca Frediani, ha proseguito l’esame del disegno di legge sulle nuove norme in materia di politiche giovanili, con l’approvazione dei primi cinque articoli.

Accolti alcuni degli emendamenti presentati dal gruppo M5s, prima firmataria Frediani, che introducono tra le finalità del provvedimento la rimozione di ostacoli economico-sociali all’inserimento dei giovani nella società, il contrasto ai fenomeni di emarginazione e devianza, la conoscenza e l’analisi, in concorso con i giovani e le associazioni di riferimento, delle tematiche giovanili.

Sempre su proposta dei consiglieri M5s, sono stati inseriti tra le funzioni in capo alla Regione il monitoraggio delle zone di aggregazione ad alto rischio di disagio e la promozione di strategie di coinvolgimento dei giovani che vivono in situazioni di emarginazione e devianza.

lmasucci

 

Link associati