Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Maltempo, la stima dei danni

“Una prima stima dei danni causati dall’ultima ondata di maltempo in Piemonte, effettuata sulla base delle ordinanze sindacali esaminate, è all’incirca di  300 mila euro: tuttavia va precisato che non si ha ancora una quantificazione precisa”. È quanto comunicato in aula, nell’ambito del question time, dall’assessore alla Difesa del suolo, Francesco Balocco in risposta all’interrogazione del consigliere di Liberi e Uguali, Valter Ottria che chiedeva informazioni sulla quantificazione dei danni del maltempo e se vi siano o meno a disposizione fondi regionali a copertura.

“Il settore opere pubbliche primo intervento sta terminando i sopralluoghi nelle diverse province – ha puntualizzato Balocco -  solo allora avremo contezza dei danni causati dai temporali che si sono abbattuti sul territorio regionale a partire dalla serata dello scorso 28 ottobre e per le 36 ore successive. Per la copertura degli interventi si attingerà dalla legge regionale 38 “Disciplina e organizzazione degli interventi in dipendenza di calamità naturali”, che ci permette di disporre per il 2019, di oltre 3 milioni di euro”.

Durante la sessione del question time è stata data risposta anche alle interrogazioni di Francesco Graglia ((Forza Italia) sul progetto Unico Digitale per l’edilizia; di Benito Sinatora (Lega Nord), Gian luca Vignale (Movimento nazionale per la sovranità)  e Luca Angelo Rossi (Forza Italia) sulla chiusura dello stabilimento Pernigotti di Novi Ligure; di Maria Carla Chiapello (Moderati) sul ripristino della linea ferroviaria Ceva-Ormea; di Alfredo Monaco (Scelta di rete civica per Chiamparino) sulla sicurezza cantieri Asl; di Nadia Conticelli (Partito democratico) e Andrea Tronzano (Forza Italia) sulla tangenziale di Torino; di Federico Valetti (Movimento 5 stelle) sulle misure antismog in Piemonte; di Gianpaolo Andrissi (Movimento 5 stelle) sugli interventi della SS34 del lago maggiore; di Davide Bono (Movimento 5 stelle) sul mantenimento esecuzioni esami routinari nei laboratori di analisi Hub; di Stefania Batzella (Movimento libero indipendente) su ipotesi primo soccorso oculistico San Giovanni Bosco; di Roberto Ravello (Fratelli d’Italia) su promozione e riconoscimento lingua dei segni.

 

 

.