Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Sette giorni in Consiglio

Con l’esame di due ordini del giorno, collegati al documento approvato la scorsa settimana sulla richiesta di autonomia differenziata da parte della Regione, si apre la seduta del Consiglio regionale di martedì 13 novembre (orario 10-13 e 15-19). I lavori proseguono con la proposta di deliberazione sul Programma annuale di ricerca 2018 dell’Istituto di ricerche economico sociali del Piemonte (Ires).

Per il resto la giornata dovrebbe essere dedicata alla continuazione dell’esame del disegno di legge 294 di riordino dell’ordinamento regionale 2018, il cosiddetto “Omnibus”.

L’ordine del giorno contempla anche numerosi atti d’indirizzo e la proposta di deliberazione 335 “Documento di economia e finanza regionale (Defr) 2019-2021” mentre, alle 9.30, è previsto il sindacato ispettivo e, alle 14.30, il question time.

I lavori in Sala dei Morando sono focalizzati sulle sedute della Commissione Bilancio, presieduta da Vittorio Barazzotto, convocate lunedì 12, alle 14.30 e giovedì 15. alle 9.30 e alle 14.30 per esaminare il disegno di legge 328 “Assestamento del bilancio di previsione finanziario 2018-2020 e disposizioni finanziarie”. La prima inoltre, nella seduta di lunedì, oltre al parere sulla proposta di deliberazione della Giunta sulla rinegoziazione dei mutui, prosegue l’esame  del disegno di legge 321 “Bilancio consolidato del gruppo ‘Regione Piemonte’ per l’anno 2017”.

Mercoledì 14 è dedicato, invece, al sopralluogo congiunto della seconda (presidente Nadia Conticelli) e della terza (presidente Raffaele Gallo), al Terzo valico dei Giovi (ferrovia tra Novi Ligure e Genova) mentre, giovedì 15 alle 13, è prevista una seduta della Commissione Cultura, presieduta da Daniele Valle.

Si segnala, mercoledì 14 alle 10.30, che il presidente dell’Assemblea, Nino Boeti, interviene al seminario sul tema “La Regione Piemonte e il regionalismo: dal passato al futuro”, a cura della direzione Processo legislativo e Comunicazione istituzionale in collaborazione con il dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Torino e con l’Università del Piemonte Orientale.

 

Link associati