Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Politiche giovanili, la Consulta Giovani va ripensata

Condividono la necessità di una nuova legge regionale in tema di politiche giovanili e chiedono una revisione complessiva della Consulta Giovani, nelle modalità di accesso e funzionamento e rispetto alle funzioni conferite. É quanto hanno detto in sesta Commissione, presieduta da Daniele Valle e alla presenza dell’assessora regionale alle Politiche giovanili Monica Cerutti, i membri dell'Ufficio di Presidenza della Consulta Giovani, chiamato a dare il proprio parere in merito al disegno di legge 314 presentato dalla Giunta, che ad oltre vent’anni dalla legge regionale 16/95 riscrive le norme in materia.

I membri dell’Udp, rispondendo alle domande dei consiglieri Andrea Tronzano (Forza italia), Marco Grimaldi (Liberi e Uguali) e Francesca Frediani (Movimento 5 Stelle) hanno espresso l’esigenza di aprire la Consulta alle tante realtà sociali che rappresentano il mondo giovanile, anche al di fuori dell’associazionismo, e di un maggior coinvolgimento nelle sedi istituzionali quando vengono trattati provvedimenti che riguardano i giovani.