Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Scuola, più tempo per i Piani locali

Il Piano regionale per la rete scolastica, quest’anno, dovrebbe vedere anticipata l’approvazione dei nuovi criteri (probabilmente verrà esaminata in Aula già la prossima settimana) lasciando più tempo alle amministrazioni locali per la redazione dei rispettivi piani, che dovranno pervenire alla Regione entro il 15 ottobre 2018.

In sesta Commissione è stata licenziata oggi a maggioranza, la proposta di deliberazione della Giunta regionale (Pdcr) relativa al piano regionale di revisione e dimensionamento della rete scolastica e dell’offerta formativa delle autonomie scolastiche piemontesi per l’anno scolastico 2019/2020, che di fatto ricalca quella dello scorso anno.

L’assessora all’Istruzione, Gianna Pentenero, ha detto che anche per l’anno scolastico 2018/2019 i dati provvisori confermano la tendenza in atto di un calo consistente della popolazione scolastica. I dati 2017/2018 hanno registrato una flessione complessiva di oltre 4700 alunni rispetto all’anno precedente; la diminuzione più consistente riguarda la scuola dell’infanzia, con oltre 3000 alunni in meno, seguita dalla scuola primaria. Sono le province con minor popolazione, Asti, Biella e Vercelli in particolare, ad avere una riduzione percentuale maggiore. 

All’esame della Commissione nella seduta odierna anche il Documento di economia e finanza regionale (Defr) 2019/2021, relativamente alle materie Istruzione, Politiche giovanili, Diritto allo studio universitario e Cooperazione decentrata, con gli interventi delle assessore Pentenero e Monica Cerutti. 

lmasucci