Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Piano cronicità, parere condizionato del Cal

Il Consiglio delle autonomie locali (Cal), presieduto da Mauro Barisone, ha espresso parere favorevole sul piano cronicità, condizionato all’accoglimento delle richieste di modifica e integrazione pervenute dalle associazioni e delle osservazioni emerse durante il dibattito. inoltre, ha invitato la Regione a prendere in considerazione la proposta della Città metropolitana di Torino a candidarsi come luogo di sperimentazione del Piano in relazione agli aspetti sociali. 

Le proposte emendative al testo riguardano la parte dedicata all’integrazione sociosanitaria. In particolare è stato chiesto che tale integrazione di prestazioni, per i pazienti cronici che presentino problematiche di natura non sanitaria, avvenga con la collaborazione degli Enti gestori per quanto concerne la verifica della presa in carico. 

Inoltre, per realizzare i percorsi integrati, si richiama il ruolo dei sindaci nell’ambito della Conferenza dei sindaci di Asl e del Comitato dei sindaci di distretto, come anche quello degli Enti gestori delle funzioni socio assistenziali nella valutazione esclusivamente dei pazienti cronici con problematiche di natura non  sanitaria. Una collaborazione ritenuta necessaria sul piano dell’integrazione progettuale ma anche della contaminazione culturale tra le discipline, le competenze e le attitudini dei due ambiti professionali.

Infine, è stato chiesto di porre l’accento sulla promozione di un modello basato su un approccio globale alla salute, attraverso interventi che garantiscano l’appropriatezza delle prestazioni in base ai reali bisogni di cura e di condividere con i sindaci la definizione dei Distretti di coesione sociale. Anche la creazione di un fondo socio sanitario regionale dovrà avvenire attraverso il confronto con le Autonomie locali e gli Eenti gestori. 

L’assessore alle Politiche sociali Augusto Ferrari ha dato la disponibilità della Giunta, in accordo con il presidente della quarta Commissione, Domenico Rossi, ad integrare il testo sulla base delle osservazioni pervenute. 

L’Assemblea ha poi espresso parere favorevole alla proposta di legge sull’istituzione delle comunità energetiche, mentre sui due provvedimenti in tema di riuso edilizio il parere dato è stato favorevole ma condizionato all’accoglimento di alcune richieste di modifica e integrazione.

E’ stato invece deciso di non affrontare la discussione sul disegno di legge relativo alle norme urbanistiche e ambientali per il contenimento del consumo di suolo, rinviando ogni considerazione in merito a una fase successiva che terrà conto del monitoraggio sull’applicazione della disciplina dei due provvedimenti sul riuso edilizio.