Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Case popolari, avviati 1800 piani di rientro

Nel 2016 erano emersi parecchi casi di morosità pregressa che avevano causato gravi problemi di bilancio alle tre Atc del Piemonte: "In seguito agli interventi fatti sul regolamento per le procedure di decadenza - ha precisato l'assessore alle politiche sociali Augusto Ferrari - e attraverso un protocollo d'intesa si è trovato un accordo che comprende circa 1800 piani di rientro”. Durante la seduta della Commissione Urbanistica, presieduta da Nadia Conticelli, Ferrari ha riferito sulla situazione dei piani di rientro concordati tra le Agenzie territoriali per la casa e gli assegnatari in morosità.

L’assessore ha specificato: “Per l'Atc del Piemonte nord sono stati attivati 9 tavoli con i Comuni interessati al problema: 4 nella provincia di Novara, 1 a Verbania e 4 nella provincia di Vercelli, per un totale di 567 famiglie che hanno avviato il piano di rateizzazione. Per l'Atc Piemonte sud ci sono 29 tavoli per 1235 assegnatari che hanno aderito ai piani di rientro nelle province di Asti, Cuneo e Alessandria. Per l'Atc Piemonte centrale, che comprende Torino, la situazione è diversa perché già da tempo i piani di rientro sono concordati con il Comune e avviati. Adesso hanno fatto domanda anche alcuni Comuni della città metropolitana".

L'assessore all'ambiente Alberto Valmaggia ha proseguito l'informativa alla Commissione sulla stesura del regolamento di attuazione del recente Piano paesaggistico regionale: "I Comuni hanno due anni di tempo per adeguare i loro piani regolatori alle nuove norme e, in caso di difficoltà, verranno assistiti dai nostri uffici. In particolare - ha aggiunto - possono richiedere l'esenzione dal vincolo paesaggistico per quei piccoli corsi d'acqua (rii locali e canali) che non hanno più ragione d’essere vincolati, poiché l'elenco di riferimento è stato stilato in un Regio decreto degli anni '30".

Durante la discussione sono intervenuti i consiglieri Andrea Tronzano (Fi), Gianpaolo Andrissi (M5s), Elvio Rostagno (Pd).