Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Nuove generazioni, una mostra a Palazzo Lascaris

I ventitré pannelli fotografici e i sette video della mostra “Nuove generazioni, I volti giovani dell’Italia multietnica” presentano un viaggio tra le “seconde generazioni”, cioè fra i ragazzi e le ragazze, figli di stranieri da anni in Italia, che nel nostro Paese sono nati o sono arrivati da piccoli.

La scuola è il luogo dove il cambiamento in corso è più evidente: gli studenti stranieri sono 815mila in tutta Italia, il 9% del totale, e più di un terzo di questi bambini frequentano la scuola elementare.

La mostra, già presentata al Meeting di Rimini, non parla soltanto dei ragazzi stranieri nella scuola ma propone anche una galleria di persone di orgine straniera inserite nel mondo del lavoro, delle professioni, dello sport e dell’arte, in quello che è diventato anche il loro Paese. In alcuni video i giovani raccontano le loro storie di vita.

I giovani delle nuove generazioni si confrontano con il tema della memoria del loro passato, con il concetto di identità e con i valori proposti dalla civiltà occidentale a chi ha lasciato il proprio Paese in cerca di un’esistenza migliore.

Durante la presentazione, l'assessora all'Immigrazione Monica Cerutti ha rimarcato "la normalità delle persone cresciute in Italia, che comunque non dimenticano le loro radici". Giorgio Paolucci giornalista, curatore della mostra, ha detto che la mostra "descrive il presente del nostro Paese, Questi sono giovani che si devono controntare con due tradizioni: quella della loro famiglia di origine e quella del Paese che li ha visti crescere, hanno quindi una identità arricchita perchè dinamica e aperta verso l'altro".

Sono poi intervenuti Emilia Guarnieri, presidente della Fondazione Meeting per l’amicizia fra i popoli e Rambo Halilovic, giovane di origine Rom nato a Torino, che oggi fa l'animatore sociale a San Mauro (nella foto con l'assessora Cerutti).

 

La mostra “Nuove generazioni. I volti giovani dell’Italia multietnica” sarà aperta al pubblico fino al 24 aprile 2018 con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17. Ingresso gratuito.

 

 

I fatti in breve

Orari: lunedì - venerdì  9 - 17

Ingresso gratuito.

Fino al 24 aprile