Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Editoria, in Piemonte 2mila lavoratori sottopagati

L’editoria è il settore con la più alta perdita percentuale di posti di lavoro e con un impiego sempre più diffuso di lavoratori autonomi: sono circa 2mila solo in Piemonte, sottopagati e privi o quasi delle tutele che spettano ai giornalisti assunti nelle redazioni. Non solo le garanzie economiche ma anche quelle a presidio della libertà di informazione dall’ingerenza della proprietà editoriale. È il quadro emerso nell’audizione dei rappresentanti dell’Associazione Stampa Subalpina davanti alle commissioni Economia e Cultura riunite in seduta congiunta, chiesta dal consigliere Marco Grimaldi (Leu).

C’è il tema delle garanzie per i lavoratori e c’è la crisi dei giornali locali, che in Piemonte sono diffusi in modo capillare in tutte le province: “Voci importanti del territorio, che faticano ad acquisire nuovi lettori - ha detto Stefano Tallia, segretario della Subalpina -. Non chiediamo finanziamenti a pioggia ma leggi che possano sostenere l’editoria e le iniziative innovative, che diano prospettive di futuro ai giornali e a chi ci lavora. I bandi regionali sono uno strumento importante ma andrebbero ripensati nell’ottica di stimolare percorsi virtuosi, anche a sostegno dei lavoratori”.

La commissione Cultura ha poi svolto la discussione generale in merito alla proposta di legge sugli interventi a sostegno del Museo regionale dell’emigrazione, a prima firma Elvio Rostagno (Pd): una pdl che introduce una serie di modifiche all’attuale legge regionale con l’obiettivo di mettere in piedi una rete dei musei sui fenomeni migratori e analizzare tali fenomeni, anche attuali, in rapporto all’esperienza migratoria piemontese. Nominati relatori i consiglieri Rostagno per la maggioranza e Davide Bono (M5s) per la minoranza.