Consiglio Regionale del Piemonte

Nuove norme contro l'inquinamento luminoso

I Comuni con più di 30 mila abitanti e, facoltativamente, quelli con popolazione inferiore dovranno dotarsi, per i nuovi impianti di illuminazione, di piani per ridurre l'inquinamento luminoso ottico e migliorarne l'efficienza.
È quanto contenuto nelle nuove norme approvate a larga maggioranza, con l'astensione del gruppo Mns, giovedì 1 febbraio in Consiglio regionale.
Il testo modifica la vecchia legge del 2000 e vuole prevenire danni di diversa natura: ambientali, culturali ed economici.
"Tra le finalità della legge c'è una particolare attenzione agli equilibri ecologici di fauna e flora e alla tutela del paesaggio notturno", ha spiegato il vicepresidente del Consiglio, primo firmatario del testo.
"Non è una legge che aggiunge burocrazia - ha proseguito, rispondendo alle critiche di Mns e Forza Italia - non è retroattiva e non si applica agli impianti già esistenti. Le città non saranno più buie, ma desideriamo che le nostre città abbiano un'illuminazione migliore".
In particolare, l'articolo 10 vieta i fasci di luce fissi e roteanti e altri tipi di luci che puntano verso l'alto.
La legge è frutto di un confronto con associazioni di categoria e operatori tecnici del settore, che hanno contribuito a scrivere alcuni emendamenti tecnici approvati dall'Aula.
Sono inoltre previste delle multe per il mancato rispetto dei divieti, con inasprimento delle cifre in caso siano interessate aree ad elevata sensibilità.

fmalagnino