Sette giorni in Consiglio

Martedì 30 gennaio e giovedì 1 febbraio (orario 1013 e 14.3019) l’Assemblea di Palazzo Lascaris si riunisce per proseguire l’esame del Testo unificato delle proposte di legge 240 e 269 “Disposizioni in materia di prevenzione e contrasto ai fenomeni del bullismo e del cyberbullismo” e della proposta di legge 71 “Modifiche alla legge regionale 24 marzo 2000, n. 31 (Disposizioni per la prevenzione e lotta all’inquinamento luminoso e per il corretto impiego delle risorse energetiche)”.

Il Consiglio dovrebbe riuscire ad iniziare l’esame dei provvedimenti sulla caccia (ddl 182 e pdl 32) ma, subito dopo il Testo unificato sul cyberbullismo, esaminerà prioritariamente una proposta di deliberazione sull’edilizia sanitaria. Oltre che da numerosi atti d’indirizzo, l’ordine del giorno è completato dal sindacato ispettivo (9.30, sia martedì e che giovedì) e dal question time (14.30, solo martedì).

Prosegue pure l’attività delle Commissioni permanenti: la quarta lunedì 29, alle 10 esamina la pdcr 281 in tema di edilizia sanitaria, la pdl 82 sul danno sanitario ambientale ed il parere sul procedimento di riordino delle Ipab. Inoltre, l’assessore regionale alla Sanità, prosegue l’informativa sulle gare d’appalto nelle aziende sanitarie. Nel pomeriggio la prima Commissione (14.30) ha in programma l’illustrazione e la discussione generale del disegno di legge “Bilancio di previsione finanziario 2018-2020” e la proposta di deliberazione per consentire il referendum finalizzato alla costituzione del Comune di Val di Chy. Mercoledì 31, alle 9.30, di scena è nuovamente la Commissione Bilancio, in congiunta con la seconda, per l’audizione delle organizzazioni sindacali in merito al piano industriale per il rilancio di Gtt (Gruppo trasporti torinesi). La seconda prosegue, alle 10.30, in ordinaria per l’informativa dell’assessore regionale all’Urbanistica sul Piano paesaggistico regionale. Nel pomeriggio alle 14.30, congiunta terza e quinta, per l’informativa dell’Esecutivo regionale sul piano energetico ambientale. Prosegue la terza, alle 15.30, per l’informativa dell’assessora regionale al Lavoro sul rischio di chiusura dello stabilimento della multinazionale Embraco a Riva di Chieri (To).

Link associati