Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Approvata la legge “omnibus” sul riordino dell’ordinamento regionale

Con 23 sì, 7 astenuti e 7 non votanti l’Assemblea legislativa piemontese ha approvato martedì 24 ottobre a maggioranza la legge annuale di riordino dell’ordinamento regionale per il 2017. La discussione del provvedimento “omnibus”, presentato dalla Giunta regionale era cominciata nella seduta del 3 ottobre, e ha occupato gran parte di quelle del 10 del 17 e del 18.

La legge, che si compone di dodici capi i cui contenuti sono illustrati nella scheda a fianco, non prevede l’introduzione di nuove spese per il bilancio regionale e interviene su numerose materie fra cui turismo, sport, cultura, commercio, trasporti, diritto allo studio universitario, politiche sociali e del lavoro, affari istituzionali, energia, personale, sanità animale, ambiente e governo del territorio, attività venatoria e si propone come un’occasione per attualizzare le disposizioni regionali e renderle coerenti con le nuove norme nazionali di settore, superando le incertezze interpretative e i possibili contrasti con la Carta costituzionale.

Il provvedimento, che ha subìto un lungo lavoro emendativo sia in Commissione sia in Aula, ha visto l’accoglimento di diversi emendamenti presentati dai consiglieri di maggioranza e di opposizione.

Per la maggioranza sono stati accolti quelli proposti dai primi firmatari del gruppo Pd Daniele Valle sull’ordinamento della professione del maestro di sci, la disciplina dell’uso di motoslitte e la libera scelta del fornitore di libri scolastici da parte delle famiglie degli studenti delle scuole primarie, Andrea Appiano sulla semplificazione delle modalità di vendita occasionale nel corso di mercatini dell’usato e dell’antiquariato, Paolo Allemano sulla percorribilità delle strade agro-silvo-pastorali interdette al passaggio di mezzi a motore, Domenico Rossi per il contrasto alle attività illecite nel comparto agricolo e agroalimentare ed Elvio Rostagno sulla diffusione delle sale cinematografiche sul territorio regionale.

Per la minoranza sono stati approvati gli emendamenti proposti dal consigliere Gian Luca Vignale (Mns) sugli orari d’apertura degli esercizi commerciali e dai consiglieri del M5S Francesca Frediani sulla  tutela dell’uso della denominazione delle scuole di sci e sulla definizione di animali d’affezione, Gian Paolo Andrissi sull’aumento della capacità di autoproduzione e autoconsumo elettrico e Davide Bono sulla promozione della mobilità condivisa.

Prima della votazione finale l’Assemblea ha approvato anche l’ordine del giorno presentato dal primo firmatario Daniele Valle (Pd) per impegnare la Giunta a istituire un tavolo di concertazione regionale in materia di utilizzo delle motoslitte.

ecorreggia

ctagliani

I fatti in breve

  • Approvata la legge di riordino dell'ordinamento regionale per il 2017.
  • Tra gli ambiti toccati dal provvedimento turismo, sport, cultura, commercio, trasporti, diritto allo studio universitario, politiche sociali e del lavoro, affari istituzionali, energia, personale, sanità animale, ambiente e governo del territorio e attività venatoria.
  • L'Assemblea ha approvato anche un ordine del giorno collegato per l'istituzione di un tavolo di concertazione regionale in materia di utilizzo delle motoslitte

Link associati