Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Al via la ventesima edizione di “Ragazzi in Aula”

Giunta al traguardo del ventesimo anno, la nuova edizione di Ragazzi in Aula, diventa più “ricca”: da quest’anno gli Istituti che presenteranno le proposte di legge giudicate più meritevoli riceveranno - accanto alla tradizionale pergamena ricordo - un premio di duemila euro da investire nell’attività didattica, mentre i loro ideatori si vedranno riconoscere un credito formativo.

La partecipazione è aperta agli studenti e alle studentesse delle scuole secondarie di secondo grado del Piemonte che intendano, almeno per una volta, indossare per un giorno i panni di consiglieri regionali, sperimentando in prima persona i meccanismi che governano i dibattiti e le decisioni democratiche attraverso la discussione e la votazione dei provvedimenti da loro stessi presentati.

Le proposte, elaborate da gruppi di sette studenti, devono essere composte da una relazione che non superi le trenta righe e da un articolato formato da almeno quattro articoli, vanno inviate all’Ufficio scolastico regionale entro il termine tassativo del 15 dicembre 2017.

I relatori delle proposte di legge che verranno selezionate dalla Commissione giudicatrice parteciperanno, insieme all’intera classe, a una giornata formativa presso la sede del Consiglio regionale nel corso della quale verranno forniti gli elementi di diritto regionale necessari a comprendere il funzionamento dell’Assemblea e l’iter del processo legislativo. Per permettere di condividere più velocemente pareri, opinioni e idee inerenti i progetti di legge verrà inoltre offerta agli studenti una piattaforma digitale dedicata.

Le proposte verranno poi discusse e votate il prossimo giugno nel corso della seduta speciale dell’Assemblea regionale, presieduta dal presidente dell’Assemblea e dai componenti dell’Ufficio di presidenza.

 

 

I fatti in breve

  • Gli Istituti che presenteranno le proposte di legge giudicate più meritevoli riceveranno un assegno di duemila euro da investire nell’attività didattica, mentre i loro ideatori si vedranno riconoscere un credito formativo.
  • La partecipazione è aperta agli studenti e alle studentesse delle scuole secondarie di secondo grado del Piemonte.
  • Le proposte, elaborate da gruppi di sette studenti, vanno inviate all’Ufficio scolastico regionale entro il termine tassativo del 15 dicembre 2017.

 

Link associati