Gli studenti piemontesi saranno ambasciatori del Consiglio regionale

"Il Consiglio regionale si apre ancora più agli studenti avviando percorsi di alternanza scuola-lavoro, l’espressione più compiuta dell’integrazione tra il mondo della scuola e quello delle istituzioni. Si tratta di un investimento formativo importante in termini di risorse umane che coinvolgerà le classi del triennio degli istituti professionali, tecnici e dei licei della nostra regione”.  Con queste parole il presidente del Consiglio regionale Mauro Laus ha aperto la cerimonia della sigla del protocollo triennale d'intesa con il direttore dell'Ufficio scolastico regionale Fabrizio Manca per la diffusione delle iniziative dell'Assemblea legislativa piemontese destinate alle scuole e la realizzazione delle attività di alternanza scuola lavoro.

“Avviare tali percorsi – ha proseguito Laus - vuol dire contribuire alla realizzazione di una società competente ed efficace, costruendo le fondamenta di una generazione di professionisti che voglia arricchire il proprio bagaglio culturale e professionale attraverso programmi di studio di qualità. Gli studenti e le studentesse saranno insigniti e insignite del titolo di ambasciatori e ambasciatrici del Consiglio regionale. Spetterà infatti a loro, in una seconda fase del percorso di alternanza, far conoscere ai ragazzi più piccoli delle suole elementari e medie, attraverso il metodo di 'educazione tra pari', i progetti da loro proposti nei diversi ambiti del Consiglio e le attività svolte dalle Consulte, i Comitati e i diversi settori dell’Assemblea regionale".

Prima Regione in Italia, il Piemonte con il Consiglio regionale e l'Ufficio scolastico regionale sperimenta infatti questo nuovo modello di alternanza scuola-lavoro. Gli studenti di terza, quarta e quinta superiore potranno così diventare ambasciatrici e ambasciatori del Consiglio. Il progetto, infatti, ha l’obiettivo di educare e formare i giovani, per trasmettere ad altri studenti e studentesse, attraverso i metodi dell'"educazione tra pari" e dell'"apprendimento cooperativo", conoscenze e competenze relative ai temi trattati dagli Organi, dagli Organismi e dagli Osservatori del Consiglio regionale del Piemonte.

"E per dicembre - ha annunciato il presidente Laus - dovrebbe vedere la luce un nuovo progetto che coinvolgerà il Comitato regionale per i diritti umani, che presiedo, e l'Ufficio scolastico regionale".

"L’Ufficio scolastico regionale - ha dichiarato Manca - ha voluto con questo Protocollo d’intesa istituzionalizzare la collaborazione, già peraltro in atto e consolidata, con il Consiglio regionale del Piemonte che in questi anni ha contribuito in modo sostanziale e sinergico alla diffusione nelle Istituzioni scolastiche dell’educazione civica e della cittadinanza attiva, dei diritti umani, della lotta contro le discriminazioni, della  cultura della legalità. Esprimendo l’apprezzamento per l’opportunità offerta dal Consiglio regionale alle scuole del nostro territorio, ritengo importantissima la promozione di percorsi che forniscano opportunità di crescita personale e professionale alle studentesse e agli studenti, favorendo altresì lo sviluppo di una cittadinanza attiva e consapevole fondata su diritti e valori condivisi".

Gli Istituti interessati firmeranno un'apposita convenzione con l'Assemblea regionale.

Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, il vicepresidente del Consiglio regionale Nino Boeti, i componenti dell'Ufficio di presidenza Angela Motta e Giorgio Bertola, i garanti regionali dell'infanzia, dei detenuti e dei diritti degli animali Rita Turino, Bruno Mellano ed Enrico Moriconi, il presidente del Corecom Piemonte Alessandro De Cillis, il difensore civico regionale Augusto Fierro e i vicepresidenti del Comitato regionale per i Diritti umani Giampiero Leo e della Consulta femminile regionale Marilena Bauducco.

I fatti in breve

  • Firmato a Palazzo Lascaris il protocollo d'intesa tra il Consiglio regionale e l'Ufficio scolastico regionale per un innovativo progetto di alternanza scuola lavoro.
  • Gli studenti di III, IV e V superiore potranno diventare ambasciatrici e ambasciatori del Consiglio per trasmettere ad altri studenti e studentesse conoscenze e competenze relative ai temi trattati dagli Organi, dagli Organismi e dagli Osservatori del Consiglio regionale.
  • Gli Istituti interessati firmeranno un'apposita convenzione con l'Assemblea regionale.

 

Link associati