Per i detenuti in Piemonte arriva la guida ai penitenziari

Un vademecum per aiutare i detenuti a orientarsi nei meandri della comunità penitenziaria. Lo ha realizzato il Comitato regionale per i Diritti umani, presieduto dal presidente dell’Assemblea legislativa Mauro Laus, con il garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale Bruno Mellano.

La pubblicazione - edita dal Centro stampa della Regione e curata dall’Associazione Sapori reclusi nell’ambito del progetto Stampatingalera, ospitato all’interno della Casa circondariale di Saluzzo (Cn) - viene presentata lunedì 18 settembre alle 12 nella Sala Viglione di Palazzo Lascaris.

Con il presidente del Comitato Laus e il garante Mellano intervengono la direttrice del dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Torino Laura Scomparin e il nuovo provveditore dell’Amministrazione penitenziaria per il Piemonte, la Liguria e la Valle d’Aosta Liberato Guerriero.

Il vademecum, che si propone come strumento conoscitivo per fornire informazioni ai detenuti ristretti nelle tredici carceri del Piemonte, rappresenta un’ideale integrazione alla “Guida ai diritti - Orientarsi tra norme e pratiche penitenziarie”, realizzata dal dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Torino.

Nel corso della conferenza stampa verrà reso noto il piano di divulgazione e distribuzione del vademecum alla popolazione detenuta piemontese.

I fatti in breve

  • L'iniziativa è realizzata dal Comitato regionale per i Diritti umani con il garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale.
  • La pubblicazione è edita dal Centro stampa della Regione e curata dall’Associazione Sapori reclusi nell’ambito del progetto Stampatingalera, ospitato all’interno della Casa circondariale di Saluzzo (Cn).
  • Nel corso della conferenza stampa verrà reso noto il piano di divulgazione e distribuzione del vademecum alla popolazione detenuta piemontese.

Link associati