Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Sì ai referendum per la fusione di tre Comuni

Il Consiglio regionale nella seduta del 18 luglio ha adottato le delibere necessarie per l’indizione dei referendum consultivi delle popolazioni interessate a tre fusioni comunali nelle Province di Alessandria, Vco e Vercelli.

In particolare si tratta delle procedure per l’istituzione dei nuovi Comuni di: Alluvioni Piovera, mediante fusione dei Comuni di Alluvioni Cambiò e di Piovera in Provincia di Alessandria; Valle Cannobina, mediante fusione dei Comuni di Cavaglio Spoccia, Cursolo Orasso e Falmenta in Provincia del Verbano Cusio Ossola; Cellio con Breia, mediante fusione dei Comuni di Cellio e di Breia in Provincia di Vercelli.

Il vicepresidente della Giunta regionale, Aldo Reschigna, ha spiegato che la procedura dovrebbe portare allo svolgimento del referendum in autunno. Davide Bono (M5s) ha chiesto chiarimenti su un comune possibile candidato in Valle Cannobina alla fusione e che poi avrebbe rinunciato. Reschigna ha chiarito che il Comune di Gurro avrebbe agito in base all’atteggiamento prevalente dei suoi cittadini. Gian Luca Vignale (Misto-Movimento nazionale) ha sottolineato la necessità di rivedere le modalità di fusione in relazione a quanto recentemente avvenuto in Provincia di Alessandria, dove il risultato del referendum consultivo era largamente favorevole alla accorpamento anche se gli elettori di uno dei due comuni interessati fossero nettamente contrari. Situazione verificatasi a causa della forte differenza quantitativa di abitanti tra i due enti comunali. Una stato di fatto che quindi avvantaggerebbe eccessivamente i comuni più popolosi a detrimento di quelli più piccoli. L’esponente del centrodestra ha anche rilevato i ritardi nell’erogazione dei benefici economici conseguenti alle fusioni comunali. Reschigna ha spiegato che sono previste a breve consultazioni con gli enti del territorio, nell’ambito di un disegno di legge in preparazione, per affrontare le problematiche relative alle procedure di fusione e alle associazioni comunali. Il vicepresidente ha anche sottolineato l’impegno per velocizzare i pagamenti dei benefici ai comuni istituiti con fusione.

Link associati