Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Studenti extra Ue, la Regione paga l'affitto

Illustrati i nuovi criteri per il bando borse di studio gestiti da EDISU e altri benefici relativi all'anno accademico 2017/2018.

Se ne è discusso in sesta Commissione (Istruzione ed Edilizia scolastica) con l’informativa prodotta dall’assessora al Diritto allo studio universitario.

Si è partiti dall’impianto generale dell'anno precedente così modificato: soluzione della criticità relativa all’annualità di erogazione delle borse di studio agli studenti iscritti alle “Scuole di specializzazione”, che hanno tempistiche di iscrizione ai corsi differenti da quelle degli altri studenti; indicazione della tariffa per il servizio mensa relativa al pasto completo pari a 2,50 euro; corresponsione dell’importo in denaro del valore del servizio abitativo agli studenti extra Ue condizionato all’esistenza di un contratto di locazione a titolo oneroso, al pari degli studenti italiani.

 

dbarattin

 

In quinta Commissione audizione dei Comuni del Basso Novaresa, che hanno presentato la Pdl 245

Gestione diretta dei rifiuti urbani da parte dei Comuni e applicazione della tariffa puntuale. Sono questi due dei principi cardine della proposta di legge 245 “Disposizioni in materia di organizzazione del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani”, illustrandone il contenuto, per la quale nella seduta del 18 maggio in quinta Commissione, si sono svolte le audizioni dei presentatori.

Si tratta di un testo molto semplice nella sua stesura – ha spiegato il sindaco di Casaleggio Novara – che mantiene la primazia regionale ma che allo stesso tempo vuole porre in capo ai Comuni la gestione diretta dei rifiuti urbani. Inoltre, in un prossimo futuro, si intende arrivare all’applicazione della tariffa puntuale. In sintesi, si tratta di un metodo di tariffazione che diminuisce gli importi per chi produce meno rifiuti e l’aumenta per chi ne produce di più.

L’audizione si è svolta con i rappresentanti del Consorzio di Bacino Basso Novarese costituito dai Comuni di Biandrate, Briona, Casaleggio Novara, Casalino, Cerano, Novara, San Nazzaro Sesia, Sozzago, Terdobbiate, Trecate e Vicolungo. Come da normativa, cinque sindaci delegati in rappresentanza dell’organismo, si sono resi promotori della proposta di legge

Il presidente dell’Assemblea del Consorzio ha illustrato per sommi capi le linee e i principi guida che hanno ispirato la formulazione del provvedimento. Sono stati posti in evidenza gli eccellenti risultati ottenuti dal Consorzio (al 13° posto rispetto al panorama nazionale), con una percentuale di raccolta differenziata che si attesta intorno al 70 per cento. Ad avviso dei presentatori della proposta di legge, con le nuove regole si arriverebbe all’80 per cento di differenziata.

I commissari intervenuti hanno richiesto quali potranno essere le eventuali difficoltà relative al modello di gestione previsto, quali elementi incideranno sulla nuova struttura, come l’applicazione graverà sulla diminuzione dei costi, in che modo la proposta sia stata valutata per calarla su ciascun territorio e quali possano essere ritenuti i punti deboli dell’impianto normativo.

 

dbarattin