Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Scenari futuri dell’Europa

Prosegue per il terzo giorno al Palazzo delle Feste di Bardonecchia la 31° edizione del seminario di formazione alla cittadinanza europea organizzata dal Movimento Federalista europeo con la Consulta Europea del Consiglio regionale piemontese e il Centro Studi sul Federalismo.

Sono una sessantina le studentesse e gli studenti degli istituti d’istruzione secondaria della regione, che si sono distinti nella 33° edizione  del concorso “Diventiamo cittadini europei”, che partecipano al seminario, alternando momenti di lavoro di gruppo con il confronto in assemblea plenaria. Molti i temi affrontati durante il seminario, che chiuderà domani, sabato 7 maggio, con gli interventi di Pier Virgilio Dastoli, presidente del Consiglio italiano per il Movimento Europeo, e Florent Banfi, presidente UEF-France.

“È molto significativo – sottolinea Giampiero Bordino, professore dell’Università di Torino e responsabile didattico del seminario – che temi come questi vengano affrontati con un metodo partecipativo. I lavori sono stati organizzati a partire da una relazione introduttiva, che viene poi sviluppata in riunioni di gruppo, in cui gli studenti sono supportati dai tutor, per poi ritornare in assemblea plenaria, durante la quale i vari gruppi si confrontano, presentano i loro lavori, rivolgono domande e discutono tra di loro. Teniamo presente che si tratta di studenti preparati, che hanno partecipato con entusiasmo al concorso Diventiamo cittadini europei e che quindi il livello è decisamente un livello di qualità”.

“Ho visto un grande fermento nei giovani che hanno partecipato quest’anno al nostro seminario – spiega Elias Carlos Salvato, rappresentante del Movimento federalista europeo e della Gioventù federalista europea, che ha svolto il ruolo di tutor per gli studenti - ho visto una rinascita e un interesse alla partecipazione politica a livello europeo che sono assolutamente positivi. Credo sia un’importante occasione da cogliere perché oggi più che mai è fondamentale contare su giovani che abbiano la consapevolezza e la volontà di proseguire sulla strada della realizzazione di un popolo europeo, che partecipi attivamente alla vita politica dell’Unione”.

“Abbiamo vissuto un’atmosfera molto particolare – racconta Arfaoui Zohair, della classe quinta del Liceo Vasco Beccaria Govone di Mondovì – un’atmosfera particolare, con una visione comune, in cui lo studente spagnolo non è più visto come diverso perché proveniente da un’altra nazione, perché siamo uniti da una comune visione europea. È stato molto importante discutere della democrazia multilivello in chiave europea, senza riferimento ai nazionalismi ma affrontando il tema sul piano generale”.

Link associati

Contatti

Consulta Regionale Europea:
tel. 011 5757.528
mail: consulta.europea@cr.piemonte.it