I vincitori del progetto di storia contemporanea

La 36° edizione del Progetto di Storia contemporanea, bandito dal Comitato Resistenza e Costituzione in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale, s’avvia alla sua fase finale. I 25 gruppi vincitori (125 studenti, dei quali 69 ragazze degli istituti d'istruzione di 2° e degli enti di formazione professionale piemontesi) parteciperanno, accompagnati dai loro insegnanti, ai tre viaggi di studio che si svolgeranno nel mese di maggio e avranno come meta Trieste (la Risiera di San Sabba e la Foiba di Basovizza, il confine orientale - dal 5 al 7 maggio), la Polonia (i campi di Auschwitz-Birkenau - dal 12 al 14 maggio) e  l’Austria (Mauthausen e Gusen - dal 19 al 21 maggio).

Gli studenti vincitori saranno premiati pubblicamente a Torino presso la sede del Consiglio regionale (aula consiliare di Palazzo Lascaris) nella mattinata di lunedì 29 maggio.

“Da oltre trent’anni, tra le tante iniziative  promosse dal Comitato per la difesa e l’affermazione dei valori della Resistenza e della Costituzione, istituito nel 1976 - commenta Nino Boeti, vicepresidente del Consiglio regionale delegato al Comitato – spicca questo progetto di storia contemporanea che, nel tempo, ha coinvolto oltre 43mila studenti e 1.650 insegnanti. La storia è uno strumento prezioso per capire il presente e imparare dagli errori del passato e la partecipazione al nostro progetto  consente alle ragazze e  ai ragazzi di fare storia  e memoria del passato  e, contemporaneamente, educazione al presente”.

 

mtravaglini

 

 

 

 

I fatti in breve

  • Sono 125 gli studenti vincitori della 36esima edizione del progetto di storia contemporanea.
  • A maggio parteciperanno a tre viaggi studio.
  • La premiazione avverrà a Torino, nell'aula di Palazzo Lascaris, il 29 maggio.

Dichiarazioni

Da oltre trent’anni, tra le tante iniziative  promosse dal Comitato per la difesa e l’affermazione dei valori della Resistenza e della Costituzione, istituito nel 1976 - commenta Nino Boeti, vicepresidente del Consiglio regionale delegato al Comitato – spicca questo progetto di storia contemporanea che, nel tempo, ha coinvolto oltre 43mila studenti e 1.650 insegnanti. La storia è uno strumento prezioso per capire il presente e imparare dagli errori del passato e la partecipazione al nostro progetto  consente alle ragazze e  ai ragazzi di fare storia  e memoria del passato  e, contemporaneamente, educazione al presente”.

Link associati