Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Il lavoro delle donne

"Il lavoro qualsiasi, il lavoro che vorrei, il lavoro che non ho", questo il titolo della tavola rotonda che si è svolta la sera del 7 marzo al Cinema Classico di Torino in occasione della Festa della Donna 2017.

La Consulta femminile regionale, in collaborazione con la Consigliera di Parità e l'assessorato alle Pari opportunità della Regione ha organizzato un dibattito sul lavoro femminile, alternato alla proiezione di sequenze di film sull'argomento.

Dopo il saluto della Consigliera di Parità della Regione Piemonte Giulia Maria Cavaletto e dell'assessora alle Pari Opportunità Monica Cerutti, è intervenuta la vicepresidente del Consiglio regionale Daniela Ruffino: "Il lavoro rappresenta l'autonomia per la donna che può così fare le sue scelte di vita con maggiore serenità. Il nostro compito principale è rivolto ad una nuova cultura che rispetti e valorizzi le donne. Ognuno di noi può fare qualcosa, dobbiamo avere il coraggio di farlo ogni giorno".

Cinzia Pecchio, presidente della Consulta femminile, ha dichiarato: "Vediamo stasera alcuni spezzoni di film che parlano del lavoro delle donne, mettendo accanto per esempio il lavoro in una fabbrica degli anni Sessanta con il lavoro in un Call Center di oggi: non vogliamo piangerci addosso, ma capire come il lavoro delle donne è cambiato negli anni".

Sono intervenute al dibattitto: Marilena Bauducco vicepresidente della Consulta femminile regionale, le giuriste Mia Callegari ed Eva Desana, la sociologa Adriana Luciano, l'economista Silvia Pasqua ed il critico cinematografico Umberto Mosca dell'Università di Torino.

Durante la tavola rotonda sono stati proiettati brevi spezzoni di sette film che trattano questioni cruciali relative al lavoro femminile: dalla discrepanza tra aspettative e opportunità concrete alla necessità di adattarsi al mercato, dalla difficoltà a collocarsi o ricollocarsi alla non sempre facile permanenza dentro le organizzazioni a causa dell’interferenza tra vita professionale e familiare.

Sequenze tratte dai film:

We Want Sex, regia di Nigel Cole, 2010

Tutta la vita davanti, di Paolo Virzì, 2008

Baby Boom, di Charles Shyer, 1987

Gli ultimi saranno ultimi, di Massimiliano Bruno, 2015

In questo mondo libero, di Ken Loach, 2007

Potiche - La bella statuina, di François Ozon, 2010

Suffragette, di Sarah Gavron, 2015

 

Link associati