Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Coordinamento interconfessionale

Un impegno senza unilateralismi, a favore del dialogo, della solidarietà, della giustizia e della pace. È stata questa la premessa della conferenza stampa svoltasi martedì 7 marzo a Torino, presso il Centro italo arabo Daar al Hikma, presieduto da Younis Tawfik.

L’evento è stato organizzato dal Coordinamento interconfessionale “Noi siamo con voi”, per presentare il convegno intitolato “Lo Straniero”, che si terrà mercoledì 22 marzo presso la sede del Consiglio regionale del Piemonte.

Alla conferenza stampa sono intervenuti il presidente del Consiglio regionale Mauro Laus, in particolare nella sua veste di presidente del Comitato per i diritti umani della Regione Piemonte, il ministro degli Esteri Angelino Alfano, e il portavoce del movimento “Noi siamo con voi” Giampiero Leo.

"Torino  può vantare il fatto di essere una comunità interculturale e questo rappresenta un ottimo biglietto da visita nazionale sul piano dei temi della convivenza, dell’integrazione e della valorizzazione delle diversità. Dietro a questa capacità di salvaguardare le differenze c’è la laicità, la più alta forma di protezione e di garanzia delle libertà individuali. Assicurarla nel tempo è un dovere istituzionale. Su tale presupposto è nato, in seno al Consiglio regionale, il Comitato per i diritti umani, organismo di consultazione e partecipazione istituzionalmente riconosciuto, unico nel panorama legislativo italiano, al cui interno operano rappresentanti dell’associazionismo e di organizzazioni non governative” ha detto Laus.

L’iniziativa del prossimo 22 marzo - è stato spiegato - nasce da un lavoro di studio, riflessione, indagine, ascolto e dialogo, che il Coordinamento interconfessionale porta avanti da oltre un anno, sui temi dell’immigrazione, dell’emigrazione, della accoglienza, della cooperazione internazionale, della giustizia e dello sviluppo dei popoli. Il lavoro su queste problematiche, e le analisi e le proposte che saranno presentate, hanno cercato e cercheranno di uscire dalla tenaglia di “demagogia -buonismo” da una parte e di “populismo-razzismo” dall’altra.

“Consci, infatti, dell’estrema complessità della situazione mondiale attuale, sappiamo che non esistono soluzioni né facili, nè indolori, nè possibili al di fuori di una seria cooperazione e solidarietà internazionale.Vorremmo, quindi, trattare queste problematiche, sia dal punto di vista storico-politico, che da quello antropologico-sociale” ha sottolineato Leo.

Da parte sua il ministro Alfano ha fatto cenno al perché di questa situazione, ai possibili rimedi, ai necessari accordi fra Stati e all’opera degli organismi internazionali.

Ancora una volta infine, ci si è soffermati sulla cultura dell’accoglienza e sulle regole per un’accoglienza giusta e non controproducente, percorso quasi obbligato per evitare speculazioni politiche o mass-mediatiche su questi drammi.

Approfittando della presenza del ministro, Laus ha voluto ribadire quanto sia necessario che  anche a livello nazionale venga intrapresa la stessa strada del Piemonte.

“Ho infatti annunciato al ministro la volontà di creare un  organismo analogo al Comitato per i diritti umani anche a livello nazionale, un organo terzo rispetto al potere politico e alle logiche di governo, in grado di accogliere e soddisfare le sollecitazioni in tema di tutela dei diritti che emergono dalla società e che non possono rimanere inascoltate. Lanceremo, infine, nelle prossime settimane un concorso di idee per trasformare quello che oggi è l’ex Banco di Sicilia, di proprietà del Consiglio regionale, in un museo multimediale dell’immigrazione e dei diritti umani” ha concluso Laus.

I fatti in breve

  • Un impegno senza unilateralismi, a favore del dialogo, della solidarietà, della giustizia e della pace. È stata questa la premessa della conferenza stampa svoltasi martedì 7 marzo a Torino, presso il Centro italo arabo Daar al Hikma.
  • L’evento è stato organizzato dal Coordinamento interconfessionale “Noi siamo con voi”, per presentare il convegno intitolato “Lo Straniero”, che si terrà mercoledì 22 marzo presso la sede del Consiglio regionale del Piemonte.
  • Alla conferenza stampa sono intervenuti il presidente del Consiglio regionale Mauro Laus, in particolare nella sua veste di presidente del Comitato per i diritti umani della Regione Piemonte, il ministro degli Esteri Angelino Alfano, e il portavoce del movimento “Noi siamo con voi” Giampiero Leo.

Dichiarazioni

“Torino  può vantare il fatto di essere una comunità interculturale e questo rappresenta un ottimo biglietto da visita nazionale sul piano dei temi della convivenza, dell’integrazione e della valorizzazione delle diversità. Dietro a questa capacità di salvaguardare le differenze c’è la laicità, la più alta forma di protezione e di garanzia delle libertà individuali. Assicurarla nel tempo è un dovere istituzionale. Su tale presupposto è nato, in seno al Consiglio regionale, il Comitato per i diritti umani, organismo di consultazione e partecipazione istituzionalmente riconosciuto, unico nel panorama legislativo italiano, al cui interno operano rappresentanti dell’associazionismo e di organizzazioni non governative” ha detto Laus.

“Ho annunciato al ministro la volontà di creare un  organismo analogo al Comitato per i diritti umani anche a livello nazionale, un organo terzo rispetto al potere politico e alle logiche di governo, in grado di accogliere e soddisfare le sollecitazioni in tema di tutela dei diritti che emergono dalla società e che non possono rimanere inascoltate. Lanceremo, infine, nelle prossime settimane un concorso di idee per trasformare quello che oggi è l’ex Banco di Sicilia, di proprietà del Consiglio regionale, in un museo multimediale dell’immigrazione e dei diritti umani” ha concluso Laus.

 

Link associati