Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Storie di gastronomie operaie

Prima del diffondersi della mensa aziendale, il momento della pausa pranzo durante il turno di lavoro in fabbrica era consumato nel barachin, la gavetta. Il contenitore del pasto era un elemento costitutivo dell’identità operaia: "lavora da barachin", "è un barachin di Agnelli" furono espressioni abituali che negli anni del boom economico designavano l’operaio stesso, soprattutto chi lavorava negli stabilimenti Fiat.

La gastronomia nei "baracchini" degli operai, nelle mense in fabbrica, negli spuntini consumati in fretta in una breve pausa di lavoro, è  raccolta con fotografie e oggetti d'epoca nella mostra "Fame di lavoro. Storie di gastronomie operaie", allestita presso la Biblioteca civica "Aloysuis Bertrand" a Ceva (Cn).

Curata dal Consiglio regionale del Piemonte in collaborazione con l'Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo e l'Associazione culturale Kores, sarà aperta al pubblico fino al 12 marzo con ingresso gratuito.

Orari mostra: giovedì e sabato 9.00-12.00, martedì e venerdì 9.00-12.00 e 15.00-18.00.