Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

"La Zucca Vuota"

In occasione della Giornata Internazionale del Migrante, il Teatro Vittoria di Torino ha ospitato, domenica 18 dicembre, la prima nazionale dello spettacolo “La zucca vuota. Mezzanotte di un'illusione” - Atto unico in dodici rintocchi, una Cenerentola "straniera fra gli stranieri, clandestina tra i clandestini, ultima fra gli ultimi, che fa ondeggiare le coscienze degli altri personaggi tra rifiuto e volontà di accoglienza".
Lo spettacolo, realizzato dall'Associazione Culturale "Liberipensatori Paul Valery" e organizzato dal Consiglio regionale del Piemonte e dal Comitato regionale Diritti Umani, "chiude idealmente le numerose attività del 2016", per il presidente del Consiglio Mauro Laus. "Come Comitato dei Diritti Umani, nel corso della prima fase della nostra attività, abbiamo maturato la convinzione che si possa fare accoglienza in molti modi. Noi preferiamo quello che contribuisce ad accrescere una cultura dell'intergrazione. Siamo consapevoli della diffidenza che circonda i rifugiati che arrivano nel nostro paese, di quelle due ali estreme degli approcci in atto: da una parte il rifiuto, nella convinzione che essi rappresentino solo un pericolo, dall'altra l'accettazione "buonista" che considera il rifugiato semplicemente una persona da assistere. Noi puntiamo a sensibilizzare i cittadini su un equilibrio difficile fra i due estremi. Un sensibilità che vogliamo portare come obiettivo nel 2017, grazie al lavoro per l’istituzione di un Comitato unico nazionale dedicato alla difesa e alla promozione dei diritti umani, ispirato a modelli di agenzie operanti oggi in Paesi come Gran Bretagna, Olanda e Francia".
"La Cenerentola andata in scena oggi è una delicata e toccante rivisitazione della celebre fiaba - ha spiegato la regista Daniela Vassallo - uno spunto per riflettere sulla fatiscenza delle utopie in un futuro possibile che è insieme passato e tragicamente presente. Una Cenerentola figlia del buio oltre l'orizzonte demarcato da frontiere troppo alte per essere valicate da chi non ha gli occhi per vederle".

Lo spettacolo verrà replicato martedì 20 dicembre alle ore 20.30
info e prenotazioni: 3497808023 - 3402254582

 

fmalagnino