Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Le palestre della salute e del benessere

“Dobbiamo fare sistema, dobbiamo dare concretezza, anche sul piano legislativo, all’idea (condivisa da tutti ma ancora coltivata da pochi) che il bene più prezioso che abbiamo è la salute e che ciascuno di noi può contribuire a preservarla”.

Con queste parole il presidente del Consiglio regionale, Mauro Laus, ha motivato l’iniziativa legislativa presentata ai media il 15 dicembre nella Sala Udp di Palazzo Lascaris.

“Iniziative finalizzate al benessere sociale attraverso l’esercizio fisico strutturato e adattato. Istituzione dei Percorsi e delle Palestre salute, degli Stati Generali dello sport e del benessere e istituzione della Settimana regionale dello sport e del benessere” è il titolo del progetto che intende promuovere, valorizzare e certificare le “palestre della salute” come luogo di prevenzione e cura delle malattie a più alto impatto sociale. Il quadro della proposta è completato dalla copertura legislativa che viene data agli Stati generali dello sport e del benessere, già istituiti con deliberazione dell’Assemblea nell’ottobre del 2015, e dalla istituzione della Settimana regionale dello sport e del benessere.

Un testo sottoscritto da numerosi consiglieri della maggioranza e delle opposizioni.

Insieme al presidente dell’Assemblea, alla presentazione hanno partecipato alcuni firmatari come i presidenti delle Commissioni permanenti, Domenico Ravetti (Sanità) e Daniele Valle (Sport), ed i consiglieri Angela Motta e Mario Giaccone.

Laus ha continuato affermando che “con le ‘Palestre della salute e del benessere’, l'attività fisica e la sua somministrazione godranno di dignità terapeutica al pari di un farmaco. La prescrizione dell’esercizio fisico si trasforma così in strumento di prevenzione e terapia da praticare in strutture, pubbliche o private, accreditate dalle Asl, per la guarigione o quantomeno per il recupero delle migliori condizioni di benessere psico-fisico dei pazienti affetti da determinate patologie croniche”.

Il testo prevede che le Aziende sanitarie avranno il compito di seguire la procedura di accreditamento dei progetti, di verificare l’attuazione e la tipologia delle attività svolte e di accertare che siano rispettati i requisiti per ottenere l’iscrizione in uno specifico registro regionale. Nelle palestre accreditate i medici dello sport, gli operatori diplomati all'Isef o laureati in Scienze motorie, seguiranno il paziente durante ogni allenamento.

Secondo il presidente del Consiglio regionale, “la proposta, che si spera venga approvata dall’Aula all’unanimità, rappresenta l’avvio di una vera e propria rivoluzione culturale già maturata in seno agli Stati Generali dello Sport e che ha l’ambizione, attraverso la messa in rete di tutti i soggetti, istituzionali e non, che a vario titolo concorrono alla promozione del salute, di far confluire sul comune terreno della prevenzione primaria e del benessere Sanità e Sport”.

Presso gli Stati Generali dello sport e del benessere viene istituita una Cabina di regia (tra i soggetti istituzionali coinvolti) con il compito di monitorare lo stato di attuazione della legge.

Altro punto qualificante della proposta è la Settimana regionale dello sport e del benessere che, nel rispetto dell’autonomia scolastica, promuove l’implementazione dell’offerta formativa integrativa a disposizione delle istituzioni scolastiche in materia di diffusione della cultura e della pratica dello sport, della conoscenza delle discipline sportive e del benessere fisico, con il coinvolgimento degli enti di promozione sportiva.

Per mettere in atto questa rivoluzione, che per molti versi è a costo zero e può comportare cospicui risparmi (milioni di euro secondo varie ricerche statistiche) per la sanità pubblica, il testo propone un investimento annuo di 100mila euro.

I fatti in breve

  • “Iniziative finalizzate al benessere sociale attraverso l’esercizio fisico strutturato e adattato. Istituzione dei Percorsi e delle Palestre salute, degli Stati Generali dello sport e del benessere e istituzione della Settimana regionale dello sport e del benessere” è il titolo del progetto presentato dal presidente del Consiglio regionale, Mauro Laus.
  • Un testo ampiamente condiviso e per il quale sono intervenuti alla presentazione ai media alcuni firmatari come i presidenti delle Commissioni permanenti, Domenico Ravetti (Sanità) e Daniele Valle (Sport), ed i consiglieri Angela Motta e Mario Giaccone.

Link associati