Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Mobilità condivisa e diritto allo studio

Il Consiglio delle Autonomie locali (Cal) ha espresso parere favorevole all’unanimità - condizionato al recepimento di alcune norme - sulla proposta di legge relativa agli interventi di promozione della mobilità condivisa.

In particolare è stata evidenziata la necessità che i servizi a domanda non siano svolti esclusivamente da operatori pubblici ma anche da soggetti privati, soprattutto nelle aree a domanda debole.

Il parere prevede, inoltre, la possibilità che la norma finanziaria abbia diverse tipologie di copertura, che non penalizzino i trasferimenti agli enti locali.

Il provvedimento sarà quindi riesaminato, con le modifiche approvate, dalla Commissione compentente.

Il Cal ha poi espresso parere favorevole all’unanimità sul disegno di legge per gli interventi di diritto allo studio.

La proposta introduce principalmente la possibilità, nell’ambito dell’erogazione degli assegni di studio, di utilizzare i voucher, buoni cartacei o virtuali, anche per l’acquisto di materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione.

La soluzione, in linea con quanto già attuato da altre Regioni, permetterà alle famiglie una più ampia gamma di scelta, consentendo di ottimizzare l’utilizzo del voucher stesso.

I fatti in breve

  • Sì del Cal alle due proposte su mobilità condivisa e diritto allo studio.
  • Evidenziata la necessità che i servizi a domanda di TPL non siano svolti esclusivamente da operatori pubblici ma anche da soggetti privati.
  • La proposta  sul diritto allo studio introduce invece la possibilità, nell’ambito dell’erogazione degli assegni di studio, di utilizzare i voucher anche per l’acquisto di materiale didattico e dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione.