L'Egitto sacro a Palazzo Lascaris

Sulle note dell’arpista Katia Zunino si è aperto il convegno “Magico Egitto”, ospitato a Palazzo Lascaris e organizzato dall’associazione Seshat International di Torino e dal Lions Club di Pino Torinese.

“La cultura egizia - ha sottolineato la vicepresidente del Consiglio regionale - riveste una grande importanza non solo per il Piemonte ma anche per la città di Torino. Il Museo Egizio, così come la Reggia di Venaria, sono stati recentemente inseriti nella top ten dei luoghi della cultura; l’Egizio, in particolare, si è collocato al settimo posto, con più di 750mila visitatori e una crescita del 33 per cento rispetto al 2015. Si tratta di numeri che dimostrano quanto benessere può essere creato assecondando le eccellenze presenti sul nostro territorio, diffondendo, anche attraverso le associazioni, la cultura e l’arte, patrimonio di tutti”.

Il dibattito è stato dedicato alla scoperta dell’antica magia, alle curiosità e agli elementi poco noti della tradizione egizia, con particolare riferimento alla conoscenza ermetica.

“L’obiettivo di questo incontro – ha evidenziato Mariastella Mazzanti, presidente di Seshat -  è condurre il pubblico in un viaggio nel mondo antico, attraverso un filo invisibile, alla scoperta dei simboli che fin dall’antichità egizia hanno pervaso l'universo conosciuto in un’onda inarrestabile di suggestioni”.

Al convegno hanno partecipato Umberto Capoccioni e Pier Giacomo Genta, rispettivamente presidente e cerimoniere del Lions Club di Pino Torinese e Armando Buzzi, esperto di Egittologia.

I fatti in breve

  • Ospitato a Palazzo Lascaris il convegno sul sacro Egitto.
  • Sulle note dell'arpista Katia Zunino si è aperto il dibattito su tradizioni e cultura egizia.
  • L'obiettivo dell'incontro è condurre il pubblico in un viaggio magico in Egitto.

Link associati