Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Giochi e suoni dalla tradizione

Un incontro dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie per un tuffo virtuale nel passato e la possibilità di rivivere, per qualche istante, la realtà dei bambini del Piemonte di ieri. Lo hanno proposto, domenica 15 maggio al Salone del Libro, il testimone di cultura popolare Fernando Busca, accompagnato dalla banda di ottoni “Quintet” della Val Chiusella e da rappresentanti della Rete Italiana di cultura popolare.

Un'occasione per vedere scorrere davanti agli occhi le immagini di un Piemonte che fu, quando i giochi erano fatti di bastoni di legno, rocchetti e pezzi di stoffa ricevuti in dono dalla sarta del paese o dalle nonne da trasformare in flauti, zufoli, mucche e carri armati con l'aiuto dell'ingegno e della fantasia. 

Un'ora trascorsa sul filo dei ricordi, cullati dalle note di valzer, polke e mazurke, che hanno animato una mattina che ha rappresentato, soprattutto, un momento di festa.

I fatti in breve

  • Un incontro dedicato ai più piccoli e alle loro famiglie per un tuffo virtuale nel passato.
  • L'intervento del testimone di cultura popolare Fernando Busca, accompagnato dalla banda di ottoni “Quintet” della Val Chiusella.
  • Un'ora trascorsa sul filo dei ricordi, cullati dalle note di valzer, polke e mazurke, che hanno animato una mattina che ha rappresentato, soprattutto, un momento di festa.