Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Interrogazioni discusse in Aula

Interrogazioni e interpellanze

 

Fondi all’associazione culturale Marcovaldo

L’assessora regionale alla Cultura ha risposto all’interrogazione n.982, presentata da una consigliera del gruppo M5S, sui criteri di assegnazione dei fondi all’associazione culturale Marcovaldo.

L’assessora ha spiegato che l’associazione Marcovaldo ha consolidato il suo impegno nell’ambito del sistema dell’arte contemporanea, mostrandosi meritevole dell’essenziale sostegno della Regione con contributi concessi a seguito di progetti positivamente valutati. Il contributo fornito dalla Regione si è ridotto nel tempo, passando dagli 800mila euro per il 2010 ai 650mila per il 2011. Una cifra confermata per i successivi anni fino al 2015 allo scopo di fornire sostegno, nell’anno dell’Expo, a un importante riferimento culturale del territorio per una mostra su più sedi, con l’obiettivo tuttavia di concludere l’attività dell’associazione entro il 2015. L’associazione nel 2015 ha realizzato il proprio programma di attività nei modi e nei tempi stabiliti ed è stata onerata dell’obbligo di rendicontare l’attività e le spese, come è previsto per gli organismi culturali convenzionati con la Regione.

 

Affidamento degli impianti sportivi

L’assessore regionale allo Sport ha risposto all’interrogazione n.944, presentata da una consigliera del gruppo M5S, sulla modalità di affidamento degli impianti sportivi.

L’assessore ha spiegato che, al momento, le norme regionali in materia sono in fase di rielaborazione e il codice appalti e numerose sentenze giurisdizionali affermano che non si può prescindere dall’ evidenza pubblica nell’affidamento di un servizio pubblico come quello in questione.

L’assessorato sta quindi valutando di trasmettere una nota informativa ai Comuni che, nel rispetto della normativa vigente, suggerisca di valorizzare quei progetti caratterizzati da un maggior contenuto di sostenibilità nel tempo. Gli uffici dell’assessorato sono inoltre disponibili a rispondere alle richieste di chiarimento che i singoli Comuni vorranno inoltrare.

ecorreggia

Interrogazioni a risposta immediata

Sull’esempio di quanto avviene in Parlamento, accanto alle tradizionali interrogazioni e interpellanze, si è aggiunta la discussione delle interrogazioni a risposta immediata, prevista dall’art. 100 del Regolamento interno dell’Assemblea regionale.

 

Docenti abilitati non stabilizzati

L’assessore all’Istruzione Giovanna Pentenero ha risposto all’interrogazione n. 1038 presentata dalla consigliera Gianna Gancia (Lega Nord) per conoscere se la Giunta intenda chiedere chiarimenti al ministro dell’Istruzione sul futuro dei docenti abilitati della seconda fascia di istituto.

Pentenero ha risposto che la competenza in merito all’assunzione del personale destinato al sistema scolastico è esclusivamente ministeriale. La legge 107/2015 ha cercato di fornire una risposta circa l’assunzione dei docenti che saranno stabilizzati. In ogni caso non è stato risolto del tutto il problema del precariato ma che sia stata fornita una prima risposta riguardante un numero importante di persone.

 

Concorso scuola 2016

L’assessore all’Istruzione Giovanna Pentenero ha risposto all’interrogazione n. 1040 presentata dalla consigliera Daniela Ruffino (FI) per sapere dalla Giunta, come intenda intervenire, per quanto di competenza regionale, a tutela dei docenti precari che stanno denunciando le irregolarità nelle assunzioni e l’incostituzionalità del concorso 2016.

Pentenero ha risposto che la domanda formulata è rivolta a determinati profili. Il Miur, in attesa del pronunciamento della Corte costituzionale, ha predisposto il concorso, facendo riferimento alla legge n. 107/2015. Rispetto ai docenti abilitati non esistono elementi di disparità tra gli insegnanti abilitati. Nel merito le Regioni non sono chiamate ad esprimere alcun parere in merito a quanto è stato approvato dalla normativa con riferimento alle modalità e ai requisiti di accesso con i quali i docenti possono partecipare ai relativi concorsi.

 

Sviluppo della banda ultralarga in Piemonte e allacciamento al servizio di fibra ottica

L’assessore al Bilancio Aldo Reschigna ha risposto per conto dell’assessore all’Innovazione Giuseppina De Santis all’interrogazione n. 1041 presentata dal consigliere Daniele Valle (Pd) per sapere quali azioni di programmazione e coordinamento con gli operatori privati la Giunta ha previsto al fine di rendere disponibile, il prima possibile, l’allacciamento al servizio per l’utenza dei territori interessati dalla stipulando convenzione con Infratel.

Reschigna ha risposto che l’organo esecutivo non ha competenza. I problemi di connettività Internet e di telefonia mobile all’interno delle sedi del Consiglio non possono essere risolti utilizzando gli strumenti previsti nel piano per la banda ultra larga. L’Ufficio di presidenza si attiverà per programmare gli interventi necessari al superamento delle difficoltà riscontrate.

 

Superamento del digital divide presso la sede del Consiglio regionale del Piemonte

L’assessore al Bilancio Aldo Reschigna ha risposto per conto dell’assessore all’Innovazione Giuseppina De Santis all’interrogazione n. 1042 presentata dal consigliere Vittorio Barazzotto (Pd) per conoscere quali azioni urgenti s’intendano intraprendere per consentire gli opportuni interventi sulle reti Internet e di telefonia mobile, in modo tale da consentire una efficace e stabile connettività in tutti gli spazi del Consiglio regionale del Piemonte.

Reschigna ha risposto che si è in attesa del parere della soprintendenza che dovrebbe arrivare, salvo sospensioni, intorno al 10/15 giugno. Da quel momento in poi H3G dovrebbe rendere fruibile la fonia in prima della pausa estiva. Per quanto attiene connettività e reti dati, dalle verifiche effettuate con help desk, la rete e il wi-fi funzionano senza particolari emergenze. Tuttavia, saranno introdotti monitoraggi di controllo per rilevare eventuali discontinuità del segnale.

 

Non coinvolgimento delle associazioni per la modifica della delibera di revisione del sistema dei servizi residenziali per la psichiatria

L’assessore alla Sanità Antonio Saitta ha risposto all’interrogazione n. 1043 presentata dal consigliere Davide Bono (M5S) per sapere quando s’intenda avere un confronto con le parti sociali per modificare in modo condiviso la deliberazione.

Saitta ha risposto che l’assessorato ha un quadro molto preciso e dettagliato della domanda nel settore e la sua articolazione. Si è giunti alla condizione di poter fare una modifica alla deliberazione, cioè alla definizione dell’offerta, in relazione alla domanda. Non solo, ma si è anche nella condizione di indicare i tempi necessari per adeguare l’offerta ad una domanda che è cambiata rispetto al passato. Nei prossimi giorni ci saranno le condizioni per definire un percorso che si adotterà in modo che il Tar sappia o meno se si deciderà di mantenere il contenzioso o no.

 

Fallimento Agess, criteri di riparto delle attività e passività della Comunità montana del Pinerolese

L’assessore allo Sviluppo della montagna Alberto Valmaggia ha risposto all’interrogazione n. 1044 presentata dal consigliere Federico Valetti (M5S) per sapere ciò che si sia convenuto nel corso degli incontri svoltisi tra la Regione, il commissario e i presidenti delle Unioni montane, relativamente ai criteri di riparto delle attività e passività della Comunità montana del Pinerolese.

Valmaggia ha risposto che il debito legato a questa vicenda che, secondo la normativa, deve essere ripartito tra le Unioni montane dei Comuni e gli stessi non inclusi nelle Unioni montane che succedono, sia nei rapporti attivi che passivi, alle Comunità montane preesistenti. A seguito di riunioni convenute con i sindaci e la Regione si è raggiunto un accordo con i funzionari della Cassa depositi e prestiti ottenendo la disponibilità ad accendere un mutuo con le Unioni.

 

Soppressione plessi scolastici Comune di Rivoli (To)

L’assessore all’Istruzione Giovanna Pentenero ha risposto all’interrogazione n. 1045 presentata dalla consigliera Francesca Frediani (M5S) per conoscere se s’intenda valutare il mantenimento in deroga dei plessi scolastici indicati, anche se in situazioni di sottodimensionamento, o perlomeno esaminare la situazione dopo la presentazione di tale piano di razionalizzazione.

Pentenero ha risposto che ci sono due norme che concorrono alla questione, ovvero una norma di carattere regionale e una ministeriale. Per garantire il funzionamento di una scuola media sono necessarie tre sezioni con la relativa attribuzione degli organici. Nello specifico, il Comune di Rivoli ha proposto la chiusura di due plessi dopo aver svolto una attenta valutazione, attenendosi ai parametri prescritti all’interno della normativa. La Regione ha risposto alle richieste del Comune di Rivoli prendendo atto di quanto già la Città metropolitana aveva espresso all’interno del proprio piano e del decreto con il quale era stato approvato il piano provinciale. Nonostante ciò l’ente regionale ha richiesto valutazioni e analisi addivenendo all’approvazione del piano definitivo.

 

Alienazione struttura ricettiva da parte del Comune di Sestriere (To)

L’assessore al Turismo Antonella Parigi ha risposto all’interrogazione n. 1046 presentata dal consigliere Antonino Boeti (Pd) per sapere se un bene immobile possa essere alienato ad un acquirente privato secondo una logica puramente commerciale, modificarlo profondamente a discapito delle sue originarie caratteristiche di piena accessibilità e fruibilità da parte di persone disabili.

Parigi ha risposto che con legge 285/2000 sono state dettate disposizioni per la realizzazione di impianti sportivi, infrastrutture olimpiche e viarie. Modificata dalla legge 48/2003, si è disciplinato la realizzazione delle opere connesse allo svolgimento dei Giochi olimpici. La normativa detta disposizioni dirette a disciplinare le modalità di successiva utilizzazione di beni mobili di proprietà dell’Agenzia per lo svolgimento dei Giochi olimpici, nonché sulla definitiva destinazione degli impianti sportivi. Nel caso specifico i lavori di realizzazione della foresteria del Comune di Sestriere (To) si sono conclusi nel 2008.

 

Bando PSR 2014-2020

L’assessore all’Agricoltura Giorgio Ferrero ha risposto all’interrogazione n. 1047 presentata dal consigliere Francesco Graglia (FI) per sapere quando s’intenda pubblicare il bando relativo al PSR 2014-2020 al fine di garantire le imprese agricole che a oggi si trovano prive di copertura assicurativa e di difesa attiva antigrandine.

Ferrero ha risposto che la misura in questione non rientra tra quelle più importanti dal punto di vista del budget seppure sia importante. Si prevede che nel mese di maggio verrà scritto il bando e portato in consultazione al “Tavolo Verde”, contando di aprire la misura nel mese di luglio. Ci saranno due mesi di tempo per le domande, successivamente verrà stilata la graduatoria. In autunno ci sarà tutto il tempo per quelli che vogliono attrezzarsi per la successiva annata di porre in atto gli impianti necessari.

 

Situazione Ibm Italia

L’assessore al Lavoro Giovanna Pentenero ha risposto all’interrogazione n. 1048 presentata dalla consigliera Claudia Porchietto (FI) per conoscere quali azioni s’intendano assumere al fine di prevedere un coinvolgimento anche della Regione in questo nuovo disegno di politica industriale innovativa e salvaguardare i livelli occupazionali piemontesi.

Pentenero ha risposto che si partiva da una trattativa chiusa qualche tempo fa di carattere sindacale, dove Ibm aveva denunciato esuberi. Ora la situazione è mutata, l’azienda ha espresso la volontà di reinvestire all’interno del nostro paese. La creazione del centro è destinata a incoraggiare lo sviluppo di un ecosistema paneuropeo, per affrontare le sfide dei sistemi sanitari e promuovere la ricerca e le start-up nel campo sanitario. Il lavoro che la Regione intende svolgere non è solo quello di dialogare con la Regione Lombardia ma di condivisione rispetto al piano che si sta predisponendo a livello nazionale.

dbarattin