Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

La Costituzione in arabo

La moschea Omar di San Salvario a Torino ha ospitato, venerdì 22 aprile, un momento di dialogo tra istituzioni e comunità con la consegna della Costituzione italiana tradotta in arabo.
L'appuntamento, voluto da Consiglio regionale - Comitato Resistenza e Costituzione, associazione culturale islamica San Salvario e Anpi sezione "Nicola Grosa", ha visto la partecipazione del vicepresidente del Consiglio regionale, dell'assessore all'Integrazione del Comune di Torino, del presidente nazionale Anpi Carlo Smuraglia e dal presidente dell'associazione islamica Mohamed Ibrahim.
"Da anni i sindaci offrono la Costituzione stampata dall'Assemblea agli studenti per far crescere la consapevolezza della cittadinanza, dei diritti e dei doveri. Grazie a un'idea dell'Anpi, abbiamo recuperato un progetto di traduzione cofinanziato da Unione europea, Anci e Ministero degli Interni, e abbiamo fatto stampare le copie che qui consegnamo oggi. Questo dono rappresenta un frammento di quel mosaico che rappresenta la convivenza civile. Il Piemonte ha una lunga storia di accoglienza e nell'occasione del 25 aprile doniamo, in questo momento alto, la Costituzione nata dalla lotta di Liberazione e che sta alla base della democrazia, quella in cui anche le comunità di stranieri si riconoscono", ha spiegato il vicepresidente del Consiglio.
Per il presidente nazionale dell'Anpi "qui a Torino, oggi, si è compiuto un primo passo fondamentale nel riconoscimento di diritti, dei doveri e della convivenza democratica. Ho già segnalato su tutta la rete nazionale l'importante esperienza che parte da San Salvario, un progetto di integrazione che deve essere di esempio per tutto il paese".

fmalagnino

Link associati