Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Numero unico per l’emergenza

Ogni 11 febbraio, l’Europa celebra la giornata del 112, istituita nel 2009 per promuovere la conoscenza del Numero europeo per l’emergenza 112 (Nue).

Il Coordinamento dei collegi Ipasvi (Federazione dei collegi degli infermieri) del Piemonte ha pertanto promosso una giornata di studio sul 112, svoltasi a Torino a Palazzo Lascaris, con la partecipazione di rappresentanti degli enti deputati al soccorso di emergenza e della cittadinanza.

La vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte Daniela Ruffino, nel portare i saluti dell’Assemblea, si è soffermata sull’ormai inderogabile necessità di un nuovo modello di risposta organizzativa.

La prima sessione dei lavori è stata interamente dedicata a spiegare la nuova organizzazione europea del servizio. Nella seconda fase c’è stata la tavola rotonda - coordinata Maria Adele Schirru, presidente del Coordinamento collegi Ipasvi Piemonte - sulla nuova sfida nei servizi d’emergenza, alla quale hanno partecipato Luigi Mitola, dirigente della Polizia di Stato; Antonietta Petrone, capitano dei Carabinieri; Pasquale Guerra, tenente della Guardia di Finanza; e Marco Cavriani, comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Torino.

I lavori hanno fatto emergere come in Europa in media solamente il 27 per cento dei cittadini abbia familiarità con il 112, componendolo spontaneamente in caso di emergenza.

La giornata europea del 112 ha rappresentato pertanto un’opportunità per informare la popolazione su quando chiamare questo numero e su cosa fare in caso di necessità.

Il 112 in Italia è sempre stato riferimento diretto dei Carabinieri. Adesso sostituirà i vecchi numeri di emergenza 113, 115 e 118, che comunque rimarranno attivi e porteranno tutte le chiamate sulla centrale operativa del 112. Da questa centrale saranno coordinati gli interventi della Polizia, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, dell’ambulanza sanitaria o dei Vigili del Fuoco che faranno partire i mezzi dalla sede più vicina.

Con 24 anni di ritardo sugli altri Paesi europei, è arrivato anche in Italia questo adeguamento indispensabile per evitare l’apertura di un nuovo procedimento di infrazione da parte dell’Europa.

 

I fatti in breve

  • Ogni 11 febbraio, l’Europa celebra la giornata del 112, istituita nel 2009 per promuovere la conoscenza del Numero europeo per l’emergenza 112 (Nue).
  • Il Coordinamento dei collegi Ipasvi (Federazione dei collegi degli infermieri) del Piemonte ha pertanto promosso una giornata di studio sul 112, svoltasi a Torino a Palazzo Lascaris, con la partecipazione di rappresentanti degli enti deputati al soccorso di emergenza e della cittadinanza.
  • I lavori hanno fatto emergere come in Europa in media solamente il 27 per cento dei cittadini abbia familiarità con il 112, componendolo spontaneamente in caso di emergenza.

Dichiarazioni

La vicepresidente del Consiglio regionale del Piemonte Daniela Ruffino, nel portare i saluti dell’Assemblea, si è soffermata sull’ormai inderogabile necessità di un nuovo modello di risposta organizzativa.

Link associati