Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Dibattito sulle aliquote Irap

l Consiglio regionale ha impegnato la Giunta a inserire nella legge finanziaria 2016 un aumento dello 0,15% dell’aliquota Irap per banche e assicurazioni, che passa rispettivamente al 5,72 e al 6,97%, e dello 0,50% per autostrade e trafori, che raggiunge il 4,4%. È quanto prevedono le due mozioni approvate a maggioranza dall’Assemblea nella seduta di martedì 2 febbraio.

I documenti - presentati entrambi dal primo firmatario Marco Grimaldi (Sel) e sottoscritti da Pd e Moderati - sono destinati ad apportare nelle casse della Regione un extra gettito di circa 7,4 milioni di euro, che andranno ad aggiungersi ai 6 degli aumenti già approvati per i locali che ospitano videopoker e slot machine. In particolare, sono previsti 4,6 milioni in più di entrate dalle banche, 1,4 dalle assicurazioni e 1,38 milioni da autostrade e trafori.

Insieme alle due mozioni approvate il consigliere Grimaldi ne ha proposte altre due, la cui discussione - su proposta del presidente e del vicepresidente della Giunta Sergio Chiamparino e Aldo Reschigna - è stata sospesa. Il primo documento, sottoscritto da Pd e Moderati, intende aumentare dello 0,92% l’Irap alle aziende che hanno spostato residenza fiscale e sede legale fuori dal Piemonte e a ridurla della medesima percentuali alle aziende industriali che s’insediano ex novo in siti industriali dimessi da almeno cinque anni; il secondo, sottoscritto dal Pd, si propone di diminuire al 3,4% l’Irap per le attività creative artistiche e d’intrattenimento e per quelle di biblioteche, archivi e musei.

“In questi anni - ha dichiarato il vicepresidente Reschigna in apertura di dibattito - la Giunta ha operato scelte politiche con l’obiettivo di arrecare meno danni possibili alla comunità piemontese e sostenerla nella crescita. E intende procedere, alla luce di tali convinzioni, anche per il 2017, che sarà l’anno finanziariamente più difficile della legislatura. In quest’ottica e in questo momento è impossibile assumere impegni vincolanti soprattutto in materia di sgravi”.

I consiglieri Domenico Ravetti e Davide Gariglio (Pd) hanno sottolineato l’importanza di riportare al centro della discussione la sostenibilità economica dei servizi resi ai piemontesi perché “nei momenti difficili chi ha di più deve dare di più e, in fondo, con i documenti su banche e autostrade il Piemonte non fa altro che stabilire equilibri nella tassazione già vigenti in altre Regioni”.

Per il Movimento 5 Stelle sono intervenuti il capogruppo Giorgio Bertola e i consiglieri Federico Valetti, Giampaolo Andrissi, Francesca Frediani e Davide Bono dichiarandosi disponibili a votare i documenti, “una volta che Giunta e maggioranza abbiano raggiunto un accordo sul merito” e affermando che “amministrare significa anche fare politica premiando con tassazioni agevolate comportamenti e pratiche virtuose.

La consigliera Claudia Porchietto, per Forza Italia, ha ammonito a vigilare affinché “gli aumenti dell’Irap non vengano fatti pagare, ancora una volta, in modo inconsapevole ai cittadini”.

 

Nella medesima seduta l’Assemblea ha anche respinto la mozione presentata dal primo firmatario Maurizio Marrone (FdI) che intendeva impegnare la Giunta a “disporre nei confronti dell’amministrazione di Edisu l’indirizzo di mantenere le residenze universitarie del Villaggio Olimpico ex Moi a Torino con un rinnovo della convenzione in scadenza e a garantire a Edisu la copertura finanziaria necessaria al mantenimento delle medesime”.

I fatti in breve

  • Nella finanziaria 2016 previsto un aumento dello 0,15% dell’aliquota Irap per banche e assicurazioni e dello 0,50% per autostrade e trafori.
  • Previsto un extra gettito nelle casse della Regione di circa 7,4 milioni di euro. In particolare, sono previsti 4,6 milioni in più di entrate dalle banche, 1,4 dalle assicurazioni e 1,38 milioni da autostrade e trafori.