Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Commemorato Valerio Zanone

“Un grande onore per la nostra Regione che, tra coloro che fondarono il nostro ente ed elaborarono lo Statuto, vi sia stato un personaggio della caratura di Valerio Zanone che proseguì la sua importante carriera politica, sempre con grande rettitudine e lungimiranza, attraversando i momenti più rilevanti dell’attività politica e della vita amministrativa del nostro Paese, portando il suo alto senso dello Stato”.

Così il 2 febbraio il presidente del Consiglio regionale, Mauro Laus, ha ricordato in Aula il senatore Valerio Zanone, scomparso all’età di 79 anni il 7 gennaio scorso.

“Nato a Torino il 22 gennaio 1936 – ha spiegato il presidente Laus - si era laureato in filosofia estetica nell’ateneo torinese. È stato giornalista e autore di saggi sul liberismo, sul laicismo e sulle grandi figure liberali, da Cavour a Croce e Giolitti”.

Una personalità che percorse la vita politica italiana ai vari livelli: iscritto sin dal 1955 al Partito Liberale, fu eletto in Consiglio regionale nelle prime due legislature (1970 e 1975), fu deputato dal 1976 per cinque legislature, negli anni ’80 fu ministro all’Ambiente, all’Industria e alla Difesa. Fu sindaco di Torino nel 1990 e nella seconda Repubblica aderì all’Ulivo e alla Margherita per la quale divenne senatore e, più recentemente, aderì all’Alleanza per l’Italia. Fu anche presidente della Fondazione Luigi Einaudi.

La commemorazione si è chiusa con un minuto di raccoglimento.