Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Lo zio Max

Porta la firma di Chantal Balbo di Vinadio, con la prefazione dello storico Alessandro Barbero, il libro: “Lo zio Max, Massimo d’Azeglio – intervista immaginaria al nipote Emanuele”, presentato il 28 gennaio a Palazzo Lascaris. 

Prima dell’evento è intervenuto il presidente del Consiglio regionale, Mauro Laus, che ha voluto ricordare l’illustre uomo politico,  Primo Ministro durante il regno di Vittorio Emanuele II.

"Dal libro emerge un d’Azeglio poliedrico – ha sottolineato Laus – che affianca alla più nota carriera di statista e politico quella di vivace letterato e pittore".

L’iniziativa del Consiglio è tesa ad approfondire le idee, non solo politiche, del patriota e riformatore che contribuì a promuovere l’indipendenza dell’Italia e la sua unità.

“Fra gli insegnamenti che egli offrì – ha concluso Laus – apprezzo senza dubbio l’acutezza di visione nel riconoscere le profonde differenze esistenti fra le varie popolazioni e i differenti territori componenti il mosaico della nostra penisola”.

Un’opera letteraria, quella presentata, di divulgazione colta e appassionante, una biografia creativa di due protagonisti del Risorgimento italiano, Massimo ed Emanuele d’Azeglio. Quest'ultimo, sconosciuto ai più, stupirà il lettore attraverso un’insolita intervista, una narrazione briosa e coinvolgente, inserita nell’affascinante cornice inglese dell’Ottocento.

Un giornalista inglese a colloquio con Emanuele d’Azeglio, primo ambasciatore italiano a Londra, per ripercorrere l’avventurosa esistenza dello zio: artista, letterato, uomo politico, “nato seducente” come lo descriveva Alessandro Manzoni, imbattibile comunicatore.

Nell’opera convivono la passione per la ricerca storica, l'amore per la letteratura e la poesia, la volontà di raccontare un pezzo della nostra storia in modo vivo e accattivante.

Nel corso della presentazione Massimo Franceschi ha intrattenuto il pubblico con la lettura di alcuni stralci del libro mentre lo storico Barbero, profondo conoscitore della storia del Piemonte, ha rievocato i fasti del Risorgimento italiano, di cui Massimo D'Azeglio è stato importante protagonista.

Lunedì 4 aprile, a Palazzo Lascaris, dalle ore 9.30 alle 17.00, in occasione del 150° anniversario della scomparsa di Massimo d’Azeglio, si terrà il convegno dal tema: “I d’Azeglio, passioni e talenti di una grande famiglia piemontese”.