Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Lavori in Commissione, 26 novembre

Riforma del Cal, costi della politica e assicurazione dei consiglieri

“Dopo la presentazione della riforma del Cal, per adeguarla al nuovo assetto degli Enti locali, la seduta è stata molto proficua perché nel dibattito che si è aperto sulla opportunità, sulla obbligatorietà e su ogni aspetto della assicurazione dei consiglieri regionali, sono scaturite diverse indicazioni da parte dei vari gruppi politici che il presidente del Consiglio regionale, Mauro Laus, si è impegnato a sintetizzare in una nuova formulazione del testo di legge. Sui costi della politica, invece, si è proceduto alla illustrazione di una delle proposte all’ordine del giorno in attesa di poter dedicare una intera seduta all’argomento, pur lasciando lo spazio necessario per la chiusura dei provvedimenti di bilancio, che dobbiamo licenziare tempestivamente per consentire l’esame in Aula prima della fine dell’anno”.

Con queste parole il presidente, Vittorio Barazzotto, ha sintetizzato lo svolgimento dei lavori della I Commissione Bilancio.

La seduta è stata, infatti, aperta con l’illustrazione da parte del presidente Laus della proposta di legge dell’Ufficio di presidenza di modifica alla legge del 2006 istitutiva del Consiglio delle autonomie locali per “semplificare i lavori del Cal, con nuovo riparto di competenza, con la diminuzione dei componenti da 61 a 29 e con la valorizzazione della funzione dell’Ufficio di presidenza (che passerebbe da 8 a 10 membri) al fine di garantire una maggiore operatività del Cal”.

Sono anche state decise audizioni con le associazioni degli Enti locali  per il 14 dicembre alle ore 14.30.

Laus ha poi proseguito con l’illustrazione della pdl n. 164, presentata dall’Ufficio di presidenza, di modifica alla legge che prevede l’assicurazione contro gli infortuni dei consiglieri regionali (n. 57/1981). A seguire i componenti dei vari gruppi consiliari hanno espresso posizioni variegate nella consapevolezza della delicatezza della questione che deve, prima di tutto, garantire l’Ente nel caso di infortuni nel corso dell’espletamento di attività istituzionali.

Successivamente si è svolta l’illustrazione da parte del presentatore, Alfredo Monaco (Sel), della proposta di legge n. 57 sulla riduzione dei costi della politica, mentre le proposte sullo stesso argomento, n. 151 presentata da Giorgio Bertola (M5S) e n. 162, presentata da Davide Gariglio, erano già state illustrate nella seduta del 19 ottobre. La pdl n. 181, sempre sui costi della politica, che si è aggiunta oggi, presentata da Gilberto Pichetto (FI), verrà illustrata nella prossima seduta dedicata all’argomento. Intanto sono stati nominati i relatori di maggioranza, Gariglio, di opposizione, Bertola e Massimo Berutti (FI).

abruno

 

Modifica alla legge sul trasporto pubblico locale.

La II Commissione (Urbanistica e Trasporti) presieduta dalla consigliera Nadia Conticelli, è stata informata dall’assessore competente, Francesco Balocco, sulla proposta di modifica delle norme sul Trasporto pubblico locale (Tpl) presentata dalla Giunta.

L’assessore ha evidenziato, in particolare, l’inserimento di agevolazioni tariffarie per i fruitori del servizio Tpl e le nuove modalità previste per il trasferimento del materiale rotabile.

Balocco ha inoltre sottolineato la necessità di disincentivare l’abuso delle “tessere gialle”, ovvero i documenti di libera circolazione che permettono ai possessori di viaggiare gratuitamente in Piemonte, senza limiti di orari e di corse, su tutte le linee del Tpl. Con la modifica presentata viene introdotto un contributo regionale annuo, destinato alle agevolazioni tariffarie, in particolare prevedendo di sostituire la “tessera gialla” con una analoga elettronica e con modalità di contribuzione anche da parte degli utenti.

L’assessore ha inoltre illustrato le linee generali della seconda proposta, evidenziando l’inserimento di alcune direttive recepite dall’Autorità dei Trasporti. È previsto, infatti, che il materiale rotabile e i beni immobili siano messi a disposizione dal soggetto uscente nei confronti di quello entrante, con lo scopo di ridurre i tempi di subentro.

droselli

 

In Quinta prosegue l'esame del Piano rifiuti.

Nel corso della mattinata di giovedì 26 novembre è tornata a riunirsi la V Commissione (Ambiente), presieduta da Silvana Accossato, per il proseguimento dell’esame del provvedimento relativo al Piano rifiuti.

L’assessore Alberto Valmaggia ha informato, con una nota del Ministero dell’Ambiente, della messa in mora della Regione Piemonte inerente l’attuale Piano rifiuti.

Il consigliere Andrea Appiano (Pd), in apertura dei lavori, ha espresso la volontà di rivedere, insieme con tutti i gruppi dell’opposizione, le singole posizioni per giungere a una eventuale intesa e sblocco dei lavori.

Di rimando, Giorgio Bertola (M5s) e Diego Sozzani (Fi) hanno espresso, a nome dei rispettivi gruppi, la loro disponibilità al confronto.

Il primo, dichiarando che la condicio sine qua non deve necessariamente essere quella del cambiamento delle riflessioni finora proposte nel Piano, il secondo, partendo dall’assunto che così come proposto, si caratterizza per essere già vecchio rispetto all’evoluzione sia della normativa, sia della tecnologia impiantistica.

dbarattin