Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Violenza sulle donne: niente ticket

Niente ticket sanitario, in Piemonte, per curare le donne che hanno subito violenze. Il Consiglio regionale, nella seduta del 24 novembre, ha approvato all'unanimità la mozione - prima firmataria Stefania Batzella (M5s) - "Esenzione del ticket per prestazioni sanitarie per le attività legate alla violenza di genere".

La mozione impegna la Giunta regionale, visto che "le azioni di contrasto alla violenza sono prioritarie e il sostegno alle vittime non può essere soltanto formale, a garantire l'esenzione per tutte le azioni successive a violenza sessuale e domestica come richiesto dalle vittime, a loro totale tutela".

Batzella ha sottolineato come sia "importante approvare oggi tale mozione, alla vigilia della Giornata contro la violenza sulle donne. I centri preposti ad aiutare le vittime, hanno segnalato a più riprese questo dato critico: oltre a subire il danno dei soprusi fisici, le donne oggi patiscono pure la beffa di pagare il ticket per farsi curare”. Nadia Conticelli (Pd): “Ringrazio la consigliera Batzella e con la maggioranza sostengo questa iniziativa: le strutture di pronto soccorso, oltretutto, possono fare molto per arginare la violenza di genere ed è importante metterle in rete, per avere dati complessivi sui singoli casi e sul fenomeno in genere”.