Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Giornata di studio a Palazzo Lascaris

“Beni culturali e paesaggio tra Langhe, Roero e Monferrato: dalla ricerca alla valorizzazione”: è stato questo il titolo scelto per la giornata di studio organizzata a Torino (Palazzo Lascaris) lunedì 23 novembre, dall’Università degli studi di Torino - Dipartimento di Lingue e Letterature straniere e Culture moderne e dall’ Associazione culturale Antonella Salvatico in collaborazione con il Consiglio regionale del Piemonte.

A portare i saluti dell’Assemblea regionale è stata Angela Motta, componente dell’Ufficio di presidenza, che ha ricordato come valorizzare questo territorio significhi anche  “offrire ai visitatori i necessari strumenti di decodifica, definire le narrazioni e condividere le memorie che permettono di ricostruire il suo rapporto con gli uomini che nel tempo lo hanno abitato, trasformato, raccontato”.

La necessità di recuperare, diffondere, valorizzare la storia, la cultura e l’ambiente umano e naturale di questo territorio attraverso un sistema integrato di collaborazione è stata il denominatore comune che ha ispirato le relazioni di Francesco Panero (le trasformazioni del paesaggio vitivinicolo), Enrico Lusso (assetti insediativi e dinamiche evolutive del territorio tra medioevo ed età moderna), Viviana Moretti (la cultura figurativa dalla tradizione monregalese ai primi episodi rinascimentali), Emanuele Forzinetti (i conventi soppressi in età napoleonica), Laura Bonato (un progetto culturale consapevole di riproposta e tutela della tradizione: la questua delle uova) e Paolo Gerbaldo (esempi di recupero del patrimonio storico-architettonico per la valorizzazione turistica), tutti dell’ Università degli Studi di Torino.

I lavori hanno ribadito come sia importante valorizzare questa porzione di Piemonte non importando dall’esterno o calando dall’alto eventi-spot senza alcun legame con le energie autoctone, ma al contrario promuovendo e mettendo in rete le risorse locali, liberando la creatività che sale dal basso come espressione più autentica del territorio stesso.

Sarà la rivincita del “luogo” sul “non-luogo”: il completo riscatto di quelle che un tempo erano le colline della Malora, e che oggi hanno definitivamente lasciato alle spalle le sirene industriali e urbane del Piano Mansholt per ritrovare – con una suggestiva immagine di Giuseppe De Rita evocata dalla consigliera Motta – la “curvatura della spalla del contadino” e la forza gentile che essa sa esprimere.

Per questo la giornata di studi ha rappresentato un ulteriore importante strumento in vista delle sfide che attendono il nuovo sito Unesco. Con un auspicio che è anche un impegno: che l’azione di promozione di questo territorio possa incontrare sempre il rispetto dei valori autoctoni che questa terra ha espresso nei secoli e continua a esprimere con rinnovato entusiasmo e fiducia.

In contemporanea è stata esposta la mostra “Langhe, Roero e Monferrato”, in cui i pannelli ricchi di immagini con testi esplicativi, mirano a descrivere il territorio attraverso le sue trasformazioni, rendendolo così protagonista di un affascinante viaggio nella storia.

I fatti in breve

  • “Beni culturali e paesaggio tra Langhe, Roero e Monferrato: dalla ricerca alla valorizzazione”: è questo il titolo scelto per la giornata di studi organizzata a Torino.
  • L’evento – che ha analizzato in particolare il rapporto tra ricerca e valorizzazione – ha voluto essere un ulteriore  contributo alla salvaguardia e alla promozione del patrimonio culturale di quest’area del Piemonte inserita nella World Heritage List dell’Unesco.
  • In contemporanea è stata esposta la mostra “Langhe, Roero e Monferrato”, con pannelli ricchi di immagini con testi esplicativi.

Dichiarazioni

"Valorizzare questo territorio significa anche  offrire ai visitatori i necessari strumenti di decodifica, definire le narrazioni e condividere le memorie che permettono di ricostruire il suo rapporto con gli uomini che nel tempo lo hanno abitato, trasformato, raccontato” ha affermato Angela Motta, componente dell'Ufficio di presidenza.

Link associati