Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Lavori in Commissione, 23 novembre

In Prima Commissione illustrato l'Assestamento al Bilancio

Nella seduta della Prima Commissione Bilancio, presidente Vittorio Barazzotto, si è tenuto l’esame del disegno di legge n. 167 “Variazione al bilancio di previsione 2015 ed al Bilancio pluriennale 2015-2017 e relative disposizioni finanziarie”.

Per l’Esecutivo regionale è intervenuto il vicepresidente con delega al Bilancio, Aldo Reschigna, che ha illustrato i 21 emendamenti predisposti dalla Giunta regionale. Una delle richieste di modifica riguarda proprio il titolo del ddl n. 167 che da semplice “Variazione”, diventerebbe “Assestamento” al bilancio.

Il complesso delle modifiche deriva dal lavoro svolto dall’assessorato per la ricognizione straordinaria dei residui attivi e passivi, come già annunciato nella seduta del Consiglio regionale di martedì scorso.

L’accordo tra le forze politiche e la Giunta era infatti quello di approvare nella seduta di martedì 24 novembre il rendiconto al Bilancio in modo da consentire all’Esecutivo di deliberare immediatamente l'approvazione della ricognizione dei residui attivi e passivi così da poter rideterminare in base a questa - insieme al giudizio di parifica della Corte dei Conti e al decreto legge “Disposizioni urgenti in materia di contabilità e di concorso all’equilibrio della finanza pubblica”, pubblicato il 14 novembre, il cosiddetto “Salva Regioni” – il disavanzo tecnico del Bilancio da recuperare in 30 esercizi.

La Commissione ha anche nominato Elvio Rostagno, per la maggioranza, e Gian Luca Vignale, per le opposizioni, relatori al ddl n. 167.

abruno

 

Fondo per il marketing delle aziende innovative

La Terza Commissione, presieduta da Raffaele Gallo, all’unanimità ha dato parere preventivo favorevole alla proposta di atto deliberativo della Giunta regionale “Legge regionale del 01.12.2014, n. 19, Art. 8. Attivazione del Registro regionale imprese innovative spin off della ricerca pubblica. Indirizzi per la concessione di contributi per la copertura finanziaria delle spese di consulenza per comunicazione e marketing delle attività delle predette imprese. Spesa di 250mila euro”.

Come ha spiegato l’assessore Gianna Pentenero, la misura “aiuterà le imprese che avranno superato i cinque anni dopo lo spin off regionale, per le spese di comunicazione e marketing, per un massimo di 20mila euro a impresa”.

Sono intervenuti, per chiarimenti, i consiglieri del Movimento 5 stelle e di Sinistra ecologia e libertà.

La delibera, inoltre, attiverà il registro delle imprese innovative (a norma di quanto previsto dal comma 3, dell’articolo 8 della l.r. 19/2014) presso Finpiemonte Spa, che sarà anche pubblicato sul sito www.finpiemonte.it e denominato “Registro regionale delle imprese innovative spin off della ricerca pubblica”.

In generale, con questo intervento, la Giunta si propone di dotare di una maggiore visibilità e riconoscibilità le imprese innovative spin off della ricerca pubblica; promuovere i loro prodotti e servizi; sostenere le imprese innovative spin off della ricerca pubblica mediante la copertura finanziaria di spese di consulenza per comunicazione e marketing delle attività, “per evitare – è stato sottolineato dall’assessore – che le migliori non chiudano trascorsi i cinque, oppure anni vadano a operare all’estero, così come già successo in alcune occasioni”.

gmonaco