Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Il Consiglio aderisce alla Marcia per la libertà

Parigi e Roma saranno attraversate, il prossimo 10 ottobre, dall’ottava Marcia Internazionale per la libertà delle minoranze e dei popoli oppressi.
Il Consiglio regionale, per mezzo del Comitato per i Diritti Umani, aderisce ufficialmente all’iniziativa che ha tra le finalità la promozione dei diritti umani e l’affermazione  dell’autodeterminazione dei popoli.
Il quadro internazionale ci restituisce una situazione drammatica: dal Tibet all’Iran, dal Turkestan Orientale al Vietnam, dal Laos all’Armenia, dalla Birmania alla Siria, i Diritti Umani sono negati in più di un quarto dei Paesi del mondo.
Essenziale, per l’Assemblea piemontese, è la denuncia e la rimozione delle cause politiche, istituzionali, economiche della violazione dei diritti fondamentali. Senza tale rimozione, la battaglia per l'affermazione dei diritti fondamentali rischia di essere inefficace.
Il Comitato regionale per i Diritti Umani sostiene in ogni sede la necessità di difendere i diritti delle genti, nella convinzione che le libertà della persona e dei popoli siano il presupposto di una concreta stabilità internazionale.

Dichiarazioni

Mauro Laus, presidente del Consiglio regionale e del Comitato per i Diritti Umani: “Singoli, comunità e istituzioni devono concorrere a rendere i loro territori palestre esemplari di cittadinanza democratica inclusiva”.