Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Lavori in Commissione, 8 luglio

 

Delibera sulla psichiatria e calendarizzazione di consultazioni

Nella riunione della IV Commissione Sanità, presidente Domentico Ravetti, Gian Luca Vignale (FI) ha illustrato la sua proposta di deliberazione per proporre un nuovo modello di assistenza residenziale per la tutela della salute mentale.

Alla seduta ha partecipato l’assessore regionale alla Sanità, Antonio Saitta.

La proposta di Vignale nasce dalla volontà di confrontarsi sul tema della psichiatria, dopo la sessione d’Aula straordinaria del 16 giugno scorso sul riordino dei servizi psichiatrici, dalla quale è uscito l’impegno per un approfondimento della tematica attraverso l’approvazione di un ordine del giorno (primo firmatario il presidente Ravetti).

In gennaio la Giunta regionale aveva già dato una prima risposta alle problematiche dell’assistenza psichiatrica con l’adozione della deliberazione n. 30-1517. Il documento approvato il 16 giugno impegnava quindi l’Esecutivo, nella fase transitoria prevista dalla Dgr n. 30, ad istituire un tavolo permanente per coinvolgere nel percorso di attuazione delle misure previste, i vari soggetti interessati (Dipartimenti di salute mentale, Associazioni dei pazienti, Enti gestori, Anci).

L’intento di Vignale è stato quello di proporre integrazioni e migliorie rispetto alle disposizioni approvate dall’Esecutivo. Secondo l’esponente di Forza Italia, il modello proposto dalla Giunta regionale sembrerebbe di assistenza alla malattia mentale più che di sanità e cura. Il rischio sarebbe di ritornare ad un modello micromanicomiale. Gli assistiti e le loro famiglie non avrebbero la possibilità, caso unico nella nostra sanità, di scegliersi il luogo di cura.

Sentiti i vari gruppi consiliari e accertata la disponibilità dell’assessore Saitta, il presidente Ravetti ha fissato per la seduta di mercoledì prossimo un ulteriore approfondimento su questa tematica assai delicata.

All’ordine del giorno anche la questione della tutela delle donne affette da endometriosi con due proposte di legge, primi firmatari, rispettivamente Maurizio Marrone (Fratelli d’Italia) e Francesco Graglia (FI). Valentina Caputo (Pd) ha annunciato, anche da parte sua, la presentazione di una ulteriore proposta di legge. La Commissione ha deciso, in merito a tutte queste proposte, di dar corso a consultazioni online con termine temporale il 31 luglio. Stessa decisione è stata presa per la proposta di legge – primo firmatario Nino Boeti (Pd) – sull’esercizio delle funzioni in materia farmaceutica.

abruno

 

Residenze reali e Fondazione per il Libro 

La VI Commissione (Cultura e istruzione), presieduta dal consigliere Daniele Valle, ha svolto l’audizione del direttore del Consorzio Venaria Reale, Mario Turetta, in merito ai progetti di valorizzazione delle Residenze reali. In particolare il direttore ha sottolineato come la recente proposta di un protocollo d’intesa tra Regione Piemonte e Ministero dei Beni e delle Attività culturali, sia fondamentale per avviare un progetto di promozione e collaborazione tra enti. L’obiettivo è far convergere in un “sistema unico” le proprietà delle residenze sabaude, valorizzandole dal punto di vista turistico e culturale e sottolineando soprattutto le diversità strutturali, vera forza attrattiva per i visitatori.

Turetta ha poi evidenziato la necessità di sinergia tra le istituzioni che partecipano al progetto, per costruire valori comuni, incentivando lo sviluppo e la riscoperta di luoghi di notevole prestigio sul territorio piemontese.

I consiglieri Paolo Allemano, Daniele Valle (Pd) e Marco Grimaldi (Sel) hanno rispettivamente chiesto chiarimenti su: organizzazione gestionale delle residenze, numero di proprietà che fanno parte del Consorzio Venaria Reale e sostenibilità economica del progetto di programmazione culturale.

Nel corso dell’audizione è stata posta particolare attenzione, su richiesta della consigliera Francesca Frediani (M5S), alla possibilità di incremento del personale addetto alla sorveglianza delle Residenze.

 

Nella seconda parte della seduta si è svolta l’audizione dei rappresentanti del Collegio Revisori dei Conti della Fondazione per il Libro, la musica e la cultura, in merito alla situazione economica dell’Istituto.

Sono stati evidenziati i profili di criticità emersi nel corso degli ultimi tre anni di gestione. In particolare, è stata sottolineata la costante erosione del fondo di dotazione in capo alla Fondazione e la posizione debitoria, che ha comportato un conseguente incremento degli oneri finanziari.

Il Collegio ha inoltre informato la Commissione in merito alla delibera assunta in occasione dell’ultima assemblea convocata. Gli enti soci hanno infatti stabilito la copertura delle perdite, per la ricostituzione del fondo di dotazione e l’anticipo sull’erogazione dei contributi relativi all’anno 2015.

droselli

 

Link associati