Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Interrogazioni discusse in Aula

 

Residenze Edisu Piemonte

L'assessora al Diritto allo studio universitario, Monica Cerutti, ha risposto all'interrogazione n. 479, presentata dalla consigliera Francesca Frediani (M5S), sulle garanzie e tutele occupazionali previste nella gara di affidamento dei servizi di Edisu (Ente regionale per il diritto allo studio universitario).
"Occorre precisare - ha spiegato Cerutti - che il Consiglio di Amministrazione non ha ancora assunto alcuna deliberazione di indirizzo, ma ha avviato una riflessione e  un'attenta valutazione della situazione di Edisu. È necessario sottolineare che la nuova gara avrà un numero superiore di strutture residenziali rispetto a quelle servite dal corrente appalto. Saranno, infatti, messe a disposizione degli studenti le strutture di via Verdi 15 a Torino e il Campus dell'Università del Piemonte Orientale a Novara, per un totale di 280 posti. È volontà del CdA assicurare ogni possibile sensibilità in merito alla salvaguardia della continuità occupazionale e al mantenimento di adeguati servizi offerti".  


Crisi Bottero S.p.A.

L'assessora Monica Cerutti, per conto dell'assessora al Lavoro, Gianna Pentenero, ha risposto all'interrogazione n. 476, presentata dal consigliere Alfredo Monaco (Scelta Civica per Chiamparino) sulla situazione di crisi della Bottero S.p.A. Cuneo e Trana (To).
Cerutti ha precisato che Bottero è leader mondiale per la produzione di macchinari e impianti per l'industria del vetro e dell'elettronica, con filiali a Cuneo e a Trana.
La restrizione della domanda, causata da un forte rallentamento dei nuovi investimenti sulle linee automatiche e per la produzione del vetro ha generato una crisi nell'azienda. Nel 2015 è stata avviata la procedura di licenziamento collettivo per 48 lavoratori di Trana e 72 di Cuneo. In base alle tempistiche previste dalla normativa sulle procedure di licenziamento, per quanto riguarda lo stabilimento di Trana, l'azienda ha comunicato l'esito negativo della fase di trattativa sindacale. Per il comparto di Cuneo, invece, la procedura è ancora in fase di definizione sindacale.


Calamità naturale a Pinerolo (To)

L'assessore all'Agricoltura, Giorgio Ferrari, ha risposto all'interrogazione n. 477, presentata dal consigliere Alessandro Benvenuto (Lega Nord) sui danni causati dalla grandinata del 15 maggio 2015 a Pinerolo.
Ferrari ha spiegato che l'attuale legislazione prevede un aiuto preventivo che consiste nella concessione di contributi per la stipula di polizze assicurative agevolate contro le avversità atmosferiche, per quasi tutte le colture agricole attualmente praticate sul territorio del Pinerolese. Gli agricoltori che optano per l'assicurazione hanno un risarcimento del danno entro breve tempo dal suo verificarsi, mentre nessun altro tipo di aiuto è previsto per chi non fa ricorso all'assicurazione agevolata. Non è possibile, inoltre, intervenire con alcun genere di risarcimento ex-post con fondi statali o regionali. È comunque allo studio la possibilità di riconoscere alle aziende delle zone colpite dalla grandinata una priorità di assegnazione di prestiti a tasso agevolato.


Programma di sviluppo rurale

L'assessore all'Agricoltura, Giorgio Ferrari, ha risposto all'interrogazione n. 484, presentata dal consigliere Francesco Graglia (FI) sul testo definitivo del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 (Psr).
Ferrari ha precisato che "il programma negoziale con la Commissione europea è stato avviato il 2 marzo scorso con le osservazioni dei Servizi della Commissione alla proposta di Psr. In particolare sarà intrapresa la consultazione informale degli altri servizi della Commissione sulle parti ricevute dall'Autorità di gestione, nella prospettiva di terminare la consultazione interservizi entro il 25 giugno. Ciò consentirà l'invio della proposta formale del Psr tramite sistema informatico di notifica della Commissione europea entro fine giugno".


Affidamento arredi pubblici

L'assessore alla Sanità, Antonio Saitta, ha risposto all'interrogazione n. 475, presentata dalla consigliera Gianna Gancia (Lega Nord) sul commodato d'uso gratuito da parte dell'Asl di Biella degli arredi del vecchio ospedale degli Infermi alla cooperativa privata che ha vinto il bando per l'accoglienza degli extracomunitari.
"È necessario precisare - ha affermato Saitta - che il soggetto con il quale la Prefettura di Biella ha siglato l'intesa per affidare la gestione di alcune decine di profughi è la Caritas diocesana. La stessa Prefettura, in accordo con Caritas, ha chiesto all'Asl di poter utilizzare, per un anno, cinquanta letti dell'ospedale di Biella che è stato dismesso nel dicembre 2014".


Fondi progetto biobanche

L'assessore alla Sanità, Antonio Saitta, ha risposto all'interrogazione n. 475, presentata dalla consigliera Stefania Batzella (M5S) sui fondi destinati al progetto di biobanche a tutela della fertilità delle giovani donne affette da neoplasia o malattie croniche.
L'assessore ha precisato che sono state erogate risorse pari a circa 3 milioni di euro, destinate alla Città della Salute e della Scienza. Le somme predisposte permetteranno alle donne affette da patologie che danneggiano, anche temporaneamente, la capacità riproduttiva delle pazienti, di poter fruire delle banche di conservazione di tessuto ovarico e cellule germinali.


Realizzazione ospedale Valle Belbo

L'assessore alla Sanità, Antonio Saitta, ha risposto alle interrogazioni n. 480 e 483 presentate rispettivamente dai consiglieri Paolo Mighetti (M5S) e Massimo Berutti (FI) sull'ospedale di Valle Belbo.
L'assessore ha sottolineato che, in merito al danno erariale nella vicenda della realizzazione del presidio sanitario della Valle Belbo e ai costi del cantiere, occorre precisare che la Giunta stessa si è impegnata per fare chiarezza sull'attuale situazione.
In particolare l'iter di realizzazione del cantiere, svoltosi nel corso di sette anni, è in fase di ricostruzione e "consegneremo appena possibile - ha concluso Saitta - il fascicolo alla Corte dei Conti che deciderà. Siamo i primi a voler fare luce sulla responsabilità della localizzazione e del dimensionamento dell'opera".

 

droselli