Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Consiglio straordinario sul lavoro

“Vogliamo cercare una condivisione, non creare delle barricate. Per noi è importante il bene del lavoratore e dell’impresa”. La consigliera Claudia Porchietto (Forza italia) ha introdotto così la seduta straordinaria del Consiglio regionale di martedì 26 maggio, dedicata alle “Politiche del lavoro, gestione delle crisi aziendali e programmazione delle attività produttive. Pianificazione dei fondi comunitari e regionali per il quinquennio 2014-2020”. Era stata richiesta dai Gruppi di minoranza.

“Torino è l’emblema della crisi occupazionale. È trascorso un anno dalle elezioni, e in quest’Aula abbiamo solo assistito a una sorta di vivacchiare, urge pertanto conoscere quali saranno le prospettive future”, ha aggiunto Porchietto.

L’assessora al Lavoro Gianna Pentenero ha quindi illustrato i dati attraverso una serie di slides. “Più di 5.000 ragazzi hanno utilizzato Garanzia giovani Piemonte, circa 3.500 sono stati assunti o stanno facendo un tirocinio. Altri 2.400 sono stati avviati a percorsi di formazione e 274 inseriti nel Servizio civile nazionale. Il progetto è partito ad aprile 2014 con fondi regionali; a questi adesso si è aggiunto il programma nazionale, finanziato con fondi europei, che ci darà la possibilità di migliorare ancora il servizio“ ha spiegato Pentenero, che ha poi illustrato nel dettaglio le principali situazioni di crisi nella nostra regione.

“L’obiettivo non è di ‘puntellare’ le aziende in crisi, ma di accompagnarle per quanto possibile su un percorso di rilancio produttivo e dell’occupazione, affrontando le situazioni caso per caso. Per accedere alla cassa integrazione in deroga, sino a quando esisterà, le aziende dovranno d’ora in poi seguire un doppio canale, ovvero trovare un accordo sia con la Regione che con l’Inps. La costante richiesta degli imprenditori ai tavoli di crisi è sempre di avere regole certe e tempi certi”, ha concluso l’assessora.

Nel corso del dibattito sono poi intervenuti nell’ordine: Gian Luca Vignale di Forza italia (“Ci deve essere una grande distinzione tra gli interventi per affrontare le situazioni contingenti, e una vera e propria politica di mandato”), Francesca Frediani di M5S (si è soffermata sulle delocalizzazioni all’estero), Gianna Gancia della Lega nord (“Vorrei ringraziare prima di tutto quegli imprenditori che vogliono ancora a fare impresa in un Paese come l’Italia, dove aumenta a dismisura la tassazione. Oggi l’unico sistema per la sopravvivenza degli imprenditori pare sia l’evasione”), Giorgio Bertola di M5S (ha cita la blu economy, un modello di business a livello globale dedicato alla creazione di un ecosistema sostenibile grazie alla trasformazione di sostanze precedentemente sprecate in merce redditizia), Raffaele Gallo del Pd (ha chiesto una riforma della formazione professionale), Gilberto Pichetto di Forza italia (“La crescita sociale può avvenire solo con un grande investimento sulla forza-giovani”), Paolo Mighetti di M5S (ha effettuato una panoramica della realtà alessandrina e si è soffermato anche sulla crisi del settore dell’edilizia), Stefania Batzella di M5S (ha messo in risalto le forti discriminazioni nel mondo del lavoro, in particolare quelle che affliggono ancora le donne e ha poi  fatto cenno alle vittime nei luoghi lavorativi) e Massimo Berutti di Forza italia (“Non si deve continuare a ragionare solo sui numeri, che poi sono quelli del passato , aggiornati alla luce dello Jobs Act”).

Ha preso la parola anche l’assessore alle Attività produttive Giuseppina De Santis per annunciare l’intenzione di rifinanziare il contratto di insediamento.

Il dibattito proseguirà nelle prossime sedute come verrà stabilito dalla Confernza dei capigruppo.

 

Nella pausa della seduta consiliare è stata ricevuta una folta delegazione di lavoratori e rappresentanti sindacali del comparto Sanità pubblica (Cgil, Cisl, Uil) che davanti a Palazzo Lascaris manifestava per "aprire un tavolo di confronto sulla destinazione dei 600 nuovi assunti nella Sanità". La delegazione è stata ricevuta dal presidente della Giunta Sergio Chiamparino, dal presidente e vicepresidente del Consiglio regionale Mauro Laus e Nino Boeti, dall'assessore alla Sanità Antonio Saitta. Erano presenti all'incontro il vicepresidente della Giunta Aldo Reschigna, i consiglieri Domenico Ravetti (Pd), Gianluca Vignale (Fi), Davide Bono (M5S), Marco Grimaldi (Sel).

I fatti in breve

  • Il dibattito era stato richiesto dai Gruppi consiliari di minoranza.
  • Sono stati forniti i dati aggiornati sul mercato del lavoro in Piemonte.
  • La discussione proseguirà nel pomeriggio, nel corso della seduta ordinaria.

Link associati