Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Storython 2015 al Book to the future

Raccontare storie per creare senso di comunità e coinvolgere i cittadini: è questo il senso dello storytelling, che sta emergendo sempre più come strumento per affrontare la complessità. Non si tratta semplicemente di “mettere gli eventi uno dietro l’altro”, ma di utilizzare il racconto come forma agile e coinvolgente per accedere alla conoscenza di oggi, sempre più basata su una enorme quantità di dati.

Se n’è parlato al Salone del Libro, nell’ambito del progetto Storython 2015, promosso dal Consiglio regionale in collaborazione con Csi Piemonte, Top-IX, Coldiretti Torino, il Dipartimento Interateneo di Scienze, Progetto e Politiche del Territorio (Politecnico e Università di Torino) e con il network internazionale Storycode.

Sono intervenuti Domenico Tomatis, direttore Comunicazione Istituzionale dell’Assemblea, Giulio Lughi, professore di Interactive storytelling, Culture dei media digitali dell’Università di Torino, Gianluca Morino, dell’Associazione Produttori del Nizza, vignaiolo digitale dell’anno, Michele Mellano, direttore Coldiretti Torino. Ha moderato l’incontro Luca Indemini, giornalista de LaStampa Web e Agendadigitale.eu

Il concorso Storython 2015 ha promosso la realizzazione di racconti digitali su alcune eccellenze enogastronomiche del territorio piemontese, come i prodotti e l’ospitalità degli agricoltori della provincia torinese o il lavoro dei vignaioli del Monferrato e delle sue colline. Ispirati a Expo 2015, questi racconti rendono facilmente accessibili a tutti dati e informazioni degli enti del territorio.

Nell’incontro sono stati consegnati degli attestati di partecipazione a tre progetti di storytelling: “#Agricoltura2punto0 About and Around Val Sangone”, realizzato da Silvia Badriotto, Bertalan Ivàn, Alberto Milesi; “Al Mercato in bicicletta”, realizzato da Sandra Salerno e “Terre di Nizza”, realizzato da Luigia Dragone, Angelo Di Nicola e Gerardo Schiavone. I progetti, una volta conclusi, saranno pubblicati sul sito di Piemonte Visual Contest e su Piemonte in Pillole, sezione del sito del CSI dedicato al racconto di storie e infografiche sul patrimonio informativo pubblico.

Lo Storython è inserito nel più ampio progetto Mappathon del Consiglio regionale, che punta su Open Street Map, un sistema di mappatura libero,  nella logica social, ovvero di una mappa condivisa, costruita con il contributo della comunità, anzi con la mappa stessa che aiuta a creare la comunità, a permettere di raccontare una storia del territorio, anche grazie alla miniera degli open data della pubblica amministrazione. Con le mappe si fornisce un aiuto concreto ai cittadini per migliorare la qualità della vita, per rendere le relazioni più semplici, più smart, per passare dal virtuale al reale.

I fatti in breve

  • Storytelling, per utilizzare il racconto come forma agile e coinvolgente per accedere alla conoscenza di oggi, sempre più basata su una enorme quantità di dati
  • Il concorso Storython 2015 ha promosso la realizzazione di racconti digitali su alcune eccellenze enogastronomiche del territorio piemontese
  • Nell’incontro sono stati consegnati degli attestati di partecipazione a tre progetti di storytelling

Link associati