Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Fate il nostro gioco

La matematica può essere un antidoto logico per combattere il fenomeno delle ludopatie. È questa la tesi da cui è partito il fisico Diego Rizzuto, per spiegare ai ragazzi,durante l'incontro avvenuto il 14 maggio al Salone del Libro, come sia improbabile vincere al Superenalotto o alle slot machine che si trovano nelle tabaccherie.
“In Italia sono circa un milione le persone malate a causa del gioco d’azzardo – spiega Rizzuto – La matematica può servire per fare prevenzione. Il nostro progetto nasce nel 2009 con la fondazione della società Taxi 1729. Fino ad ora siamo riusciti a coinvolgere 40 mila persone, oltre 3 mila studenti solo nell’ultimo anno”.
“Siamo abituati a vedere costantemente persone che vincono: vediamo i servizi al telegiornale, le pubblicità davanti alle tabaccherie, gli articoli sul giornale – spiega – Non bisogna però confondere il fatto che una cosa possa capitare con la probabilità che questo accada. Non bisogna sovrapporre i piani: è probabile che qualcuno vinca in Italia, ma la probabilità che siamo noi i protagonisti dell’evento è comunque rara”.
Durante l’incontro interventi istituzionali dal presidente dell’Osservatorio regionale sull’usura Gabriele Molinari che ha asserito di come – ci debba essere una consapevolezza intergenerazionale sull’uso responsabile del denaro-, e dall’assessore all’Istruzione della Giunta regionale Gianna Pentenero  che ha evidenziato al numeroso pubblico presente in sala, - di quanto sia inutile e dannoso per la nostra società il gioco d’azzardo e di come la Regione Piemonte stia cercando con strumenti legislativi,  di limitare il fenomeno delle dipendenze-.
Al termine del dibattito,si è svolta la cerimonia di premiazione del concorso “Cultura della legalità e dell’uso responsabile del denaro” realizzato in collaborazione con la Regione Piemonte e l’Ufficio scolastico regionale per il Piemonte, consiste nella realizzazione a scelta di un prodotto multimediale o di un saggio breve sul tema del gioco d’azzardo con particolare riferimento a quattro “filoni”:

· Legalità: come le mafie si inseriscono nel sistema del gioco d’azzardo;
· Famiglia: le problematiche vissute dai familiari dei giocatori;
· Salute: lo sviluppo di forme di dipendenza con relativi sentimenti di impotenza, colpa, depressione, rischio di suicidio;
· Economia: il pericolo del ricorso all’indebitamento con privati, banche e finanziarie.