Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Pedalata nel 70° della Liberazione

Hanno combattuto per noi, pedaliamo per loro. È stato questo il messaggio lanciato, domenica 10 maggio, dalla manifestazione “In bici per la libertà” che, in occasione del 70° anniversario della Liberazione, ha voluto sensibilizzare i cittadini sul ruolo che hanno avuto nel corso della resistenza le staffette partigiane che proprio con la bicicletta compivano i propri spostamenti.  Realizzata grazie al sostegno della Struttura di missione per gli anniversari di interesse nazionale della presidenza del Consiglio dei Ministri e promossa dal Comitato Resistenza e Costituzione, la manifestazione è partita da piazza Vittorio Veneto a Torino, dove 70 anni prima – il 6 maggio 1945 – ebbero inizio i festeggiamenti per la liberazione della città. Il corteo, partito da piazza Vittorio Veneto, ha percorso Corso Cairoli,  il Parco del Valentino, corso Vittorio Emanuele II, piazza Carlo Felice, via Roma, per poi arrivare in piazza San Carlo, dove la manifestazione si è conclusa con l’intervento di bande e cori musicali. Al corteo erano presenti alcune bici d’epoca, restaurate e rimesse a punto per l'occasione.

Le staffette partigiane, spesso giovani donne tra i 16 e i 18 anni (scelte in quanto si riteneva destassero minori sospetti), svolsero coraggiosamente un fondamentale lavoro di collegamento fra le diverse brigate, fra i partigiani e le loro famiglie, tra città e campagna, trasportando documenti di vitale importanza. Per farlo percorrevano chilometri, a piedi, talvolta in corriera o in treno, ma soprattutto in bicicletta.

“Il 6 maggio del 1945 piazza Vittorio Veneto era gremita da una folla festosa: la città tributava gli onori ai partigiani che avevano combattuto per la sua liberazione. La sfilata delle formazioni era l'ultimo atto prima della consegna delle armi e della smobilitazione. I reparti affluirono nella piazza verso le otto del mattino, provenienti da itinerari diversi che si snodarono nelle principali vie del centro cittadino…

…. i reparti si disposero per la sfilata: la bandiera ed il reparto d'onore si disposero in testa, seguiti dai Gap, dai partigiani della III, IV, VI e VIII zona, da quelli dei cinque settori cittadini e dal reparto corazzato. Il corteo sfilò lungo corso Cairoli davanti al monumento a Garibaldi, defluendo per corso Vittorio Emanuele e corso Massimo d'Azeglio.”

Da “Torino 38|45, una guida per la memoria”, Istituto piemontese per la storia della Resistenza e della società contemporanea.

 

L’iniziativa è stata promossa da:

Comitato della Regione Piemonte per l'affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana: il Comitato Resistenza e Costituzione promuove e coordina le iniziative tese a riproporre e approfondire i valori di democrazia e di libertà della resistenza e ell'antifascismo; svolge una costante attività di ricerca e di studio sulla storia contemporanea, ponendo particolare attenzione ai principi fondamentali della Costituzione italiana; valorizza i luoghi che furono teatro degli episodi più significativi della lotta di Liberazione in Piemonte e i monumenti che li ricordano.

Anpi, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia: con i suoi oltre 120.000 iscritti, è tra le più grandi associazioni combattentistiche presenti e attive oggi nel Paese. Fu costituita il 6 giugno 1944, a Roma, dal Cln del centro Italia, mentre il nord era ancora sotto l’occupazione nazifascista. Oggi l’Anpi è ancora in prima linea nella custodia e nell’attuazione dei valori della Costituzione, quindi della democrazia, e nella promozione della memoria di quella grande stagione di conquista della libertà che fu la Resistenza.

Associazione Bike Pride Fiab Torino: l'associazione ha come missione principale la promozione e lo sviluppo di forme di mobilità nuova (mobilità dolce, sostenibilità ambientale, sicurezza stradale), attraverso la sensibilizzazione a vario livello di interlocutori istituzionali, di imprese e di cittadini. È l'organizzatrice dell'evento annuale "Bike Pride" che ha portato in 5 anni più di 80.000 cittadini a pedalare in città. Bike Pride è federata FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) e aderisce a #MobilitàNuova.

Turin Marathon SSD S.r.l.: è una società che opera nei settori: sport, turismo, comunicazione, ambiente, organizzazione di eventi. Una delle sue principali attività è la gestione e l'organizzazione di manifestazioni sportive, tra queste la Turin Marathon la Stratorino, la Tutta Dritta.

Uisp Piemonte, Unione Italiana Sport Per tutti: è l'associazione di sport per tutti che ha 'obiettivo di estendere il diritto allo sport a tutti i cittadini. Lo sport per tutti è un bene che interessa la salute, la qualità della vita, l'educazione e la socialità. In quanto tale esso è meritevole di riconoscimento e di tutela pubblica.