Viaggio in Bosnia

Prosegue il viaggio in Bosnia Erzegovina dei ventinove studenti, accompagnati dagli insegnanti, che stanno visitando alcuni luoghi simbolo del conflitto nell’ex Jugoslavia a quasi vent’anni dal genocidio di Srebrenica.

Sono gli studenti dell’Istituto “Maria Immacolata” di Pinerolo (To), del liceo “Avogadro” e dell’ Ipc “Lanino” di Vercelli, dell’Ips “Alfieri” di Asti e del Liceo “Cavalieri” di Verbania, vincitori del progetto della 34° edizione del progetto di  storia contemporanea promosso dal Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale, in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale.

Sono partiti mercoledì 6 maggio e hanno fatto la prima tappa a Mostar, con la visita della città e dei luoghi che furono teatro del conflitto che insanguinò i Balcani nella prima metà degli anni novanta del secolo scorso. Proprio da Mostar ci hanno inviato il loro Diario di bordo.

A Sarajevo, verrà visitato anche il museo del tunnel, la galleria scavata sotto la pista dell’aeroporto per unire la città al territorio “libero” durante l’assedio, durato 1350 giorni, il più lungo della storia moderna.

La parte più emotivamente coinvolgente del viaggio è la visita al memoriale di Potočari, il sobborgo di Srebrenica  dove avvenne genocidio in cui vennero uccisi e sepolti in fosse comuni quasi diecimila musulmani bosniaci, sotto gli sguardi impotenti e colpevoli della comunità internazionale.