Consiglio Regionale del Piemonte

Vai ai contenuti

Servizio civile in Piemonte

 
Foto del comunicato stampa











All’unanimità dei votanti, nella seduta del 31 marzo, l’Assemblea regionale ha approvato la legge sul servizio civile in Piemonte.Il provvedimento - presentato per la Giunta regionale dall’assessore alle Politiche sociali Augusto Ferrari e illustrato in Aula dai relatori di maggioranza, Daniele Valle (Pd), e di minoranza, Gian Paolo Andrissi (M5S) - stanzia 200mila euro per disciplinare in modo organico ciò che nella nostra regione già esiste in materia di servizio civile e promuovere nuove progettualità, dando vita a un sistema regionale cui concorrano sia le attività di servizio civile nazionale sia i progetti di servizio civile regionale.

“L’idea programmatica su cui si fonda - ha sottolineato Valle (Pd), che ha presentato anche quattro emendamenti, approvati - è la necessità di una visione unitaria del servizio civile, che, nel pieno rispetto dei principi su cui si fonda il servizio civile nazionale, possa qualificare e sostenere progetti su base regionale, in grado di costituire un volano efficace anche per avviare i giovani a esperienze di cittadinanza attiva, impegno sociale, orientamento e formazione”.

“In tal modo - ha evidenziato Andrissi (M5S) - la Regione s’impegna a valorizzare, sostenere e promuovere il servizio civile come espressione della difesa non armata della Patria attraverso attività d’impegno sociale e di solidarietà volte a prevenire o a superare situazioni di degrado, conflitto o disuguaglianza sociale, culturale e ambientale e ogni forma di discriminazione, e a promuovere l'educazione alla convivenza, al senso civico e al rispetto della legalità”.

Entro novanta giorni dall’entrata in vigore della legge, la Giunta regionale s’impegna a individuare la struttura regionale competente per istituire e aggiornare l'Albo degli enti di servizio civile, esaminare, approvare, monitorare e verificare i progetti di servizio civile nazionale e regionale, informare e realizzazione attività formative in materia di servizio civile e gestire i rapporti con l'Ufficio nazionale per il servizio civile e gli altri soggetti coinvolti.

Prima della votazione finale l’assessore Ferrari ha ringraziato la Commissione Sanità e il Tavolo tecnico sul servizio civile “che si sono impegnati per non lasciar cadere nel vuoto un lavoro di studio e di confronto durato anni e che ha coinvolto numerosi enti sociali e culturali. Il servizio civile è e rimane una modalità alternativa attraverso cui i giovani possono servire l’Italia, un’occasione per sviluppare la coscienza civica e un aiuto per comprendere meglio, attraverso la pratica, quale orientamento dare alla propria esistenza”.
 

ctagliani 

I fatti in breve

  • Approvata all'unanimità la legge che disciplina il servizio civile in Piemonte.
  • Stanziati 200mila euro, in via sperimentale, per il 2015.
  • Entro novanta giorni dall'entrata in vigore della legge, la Giunta s'impegna a individuare la struttura di riferimento per gestire l'Albo regionale, esaminare i progetti e promuoverne la conoscenza.

Dichiarazioni

“L’idea programmatica su cui si fonda il provvedimento è la necessità di una visione unitaria del servizio civile, che, nel pieno rispetto dei principi su cui si fonda il servizio civile nazionale, possa qualificare e sostenere progetti su base regionale, in grado di costituire un volano efficace anche per avviare i giovani a esperienze di cittadinanza attiva, impegno sociale, orientamento e formazione”, Daniele Valle (Pd), relatore di maggioranza.

“La Regione s’impegna a valorizzare, sostenere e promuovere il servizio civile come espressione della difesa non armata della Patria attraverso attività d’impegno sociale e di solidarietà volte a prevenire o a superare situazioni di degrado, conflitto o disuguaglianza sociale, culturale e ambientale e ogni forma di discriminazione, e a promuovere l'educazione alla convivenza, al senso civico e al rispetto della legalità”, Gian Paolo Andrissi (M5S), relatore di minoranza.

"Ringrazio la Commissione Sanità e il Tavolo tecnico sul servizio civile che si sono impegnati per non lasciar cadere nel vuoto un lavoro di studio e di confronto durato anni e che ha coinvolto numerosi enti sociali e culturali. Il servizio civile è e rimane una modalità alternativa attraverso cui i giovani possono servire l’Italia, un’occasione per sviluppare la coscienza civica e un aiuto per comprendere meglio, attraverso la pratica, quale orientamento dare alla propria esistenza”, Augusto Ferrari, assessore alle Politiche sociali.

Contatti

0115757484  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Seguici su twitter @crpiemonte
Seguici su facebook @crpiemonte